Me

Pippo Baudo telefona a “Io e te”, Pierluigi Diaco si commuove | Video

Di Francesco Fredella
Pubblicato il 6 Set. 2019 alle 08:54 Aggiornato il 6 Set. 2019 alle 15:06

Pippo Baudo telefona a “Io e te”, Pierluigi Diaco si commuove

Ultima puntata di stagione. Oggi con un grande ospite: Maurizio Costanzo. Sarebbe inutile qualsiasi presentazione. Perché Costanzo è il padre della televisione, dei talk e dei nuovi codici di comunicazione.

Sarà nel salottino di Io e te, la trasmissione in onda da giugno su Rai 1 con Pierluigi Diaco. Si tratta di una trasmissione che ha portato la musica in tv con chiacchierate face to face e ospiti da prima serata. Solo per citarne alcuni: Banfi, Rita Pavone, Al Bano, Mara Venier, Carla Fracci o Tullio Solenghi.

Ogni personaggio ha raccontato la propria vita con l’aiuto della canzone che ha scandito i propri ricordi ed emozioni. E’ stato, sicuramente, un modo diverso di fare tv: non urlata, ma raccontata. E, soprattutto, con una sintassi moderna (la musica in tv mancava da tempo).

Non sono mancati i sorrisi con la regina dei sentimenti Sandra Milo e con Valeria Graci: entrambe hanno accompagnato Diaco in questo viaggio estivo. Un esperimento televisivo che è andato bene e che è stato promosso anche da Baudo. Infatti, super Pippo – che detiene ancora il record storico di conduzioni di Sanremo – è intervenuto in diretta al telefono.

Pippo Baudo: carriera, programmi, curiosità e vita privata dello storico conduttore tv

Ecco le sue parole: “Bisogna essere educati. Fare la tv scandalistica non funziona. Il pubblico oggi ha l’amaro in bocca. C’è modo e modo. Tu usi un approccio educato, molto per bene. E il pubblico te lo riconosce. Il pubblico si trova catapultato in una realtà gentile, in un salotto comodo ed educato”. Parola di Pippo Baudo, un gigante della tv. Diaco risponde: “E’ il complimento più bello che abbia mai ricevuto”.

Pippo Baudo fa festa su Rai 1, ma con un sogno nel cassetto: ecco quale 

Io e te, che giunge oggi all’ultima puntata pomeridiana, trasloca al sabato in seconda serata. Stessa formula premiata dal pubblico. Stesse emozioni e stessi sentimenti. Insomma, squadra che vince non si cambia.