Me

Manuel Agnelli, chi è il cantante in duetto con Daniele Silvestri al Festival di Sanremo

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 20 Feb. 2019 alle 07:00 Aggiornato il 26 Feb. 2019 alle 19:35
Immagine di copertina
Manuel Agnelli

Manuel Agnelli Sanremo 2019 | Carriera | Festival | Silvestri | Duetti | Vita privata

MANUEL AGNELLI  SANREMO 2019 – Il leader degli Afterhours Manuel Agnelli, già giudice di X Factor, sale sul palco dell’Ariston nella serata di venerdì 8 febbraio 2019 per duettare con Daniele Silvestri, in una delle canzoni più apprezzare di questo Festival di Sanremo, Argento vivo.

LEGGI ANCHE: Tutto sul Festival di Sanremo 2019

Un testo profondo, che racconta le difficoltà di un giovane adolescente di oggi. Molto interessante, quindi, il duetto con un artista eclettico e profondo come Agnelli. Vediamo una breve buografia del frontman degli Arfethours.

> QUI LA NOSTRA DIRETTA DEL FESTIVAL DI SANREMO

> QUI LA DIRETTA DELLA QUARTA SERATA DEL FESTIVAL

Manuel Agnelli Sanremo 2019 | Carriera

Manuel Agnelli, classe 1966, è nato a Milano il 13 marzo, ma è cresciuto a Corbetta, in provincia.

Frequenta l’istituto tecnico agrario “G. Bonfantini” di Novara e si avvicina alla musica quando nel 1985 decide di formare una band, gli Afterhours, insieme a Paolo Cantù e Roberto Girardi

Il gruppo rock di cui è leader fondata da Manuele insieme a Paolo Cantù e Roberto Girardi pubblica il primo album”All the Good Children Go to Hell” in lingua inglese. La band inizierà a utilizzare l’italiano nelle canzoni solo a partire dal 1995. Ha pubblicato in tutti 16 album.

Manuel Agnelli suona la chitarra e il pianoforte. Ma oltre alla musica Manuel Agnelli ha un’altra grande passione, il tifo per l’Inter.

LEGGI ANCHE: Tutti i cantanti in gara a Sanremo 2019 e le loro canzoni

Manuel Agnelli Sanremo 2019 | Vita privata

Francesca Risi non è soltanto la sua compagna da più di 15 anni, ma è anche la sua style coach. È proprio lei infatti che veste e sceglie i look dell’ex giudice di X Factor.

Nel 2008 Manuel Agnelli è diventato papà di Emma, avuta da Francesca. Su Emma ha dichiarato “Mia figlia Emma è molto curiosa, c’è una complicità naturale, è facile stabilire il contatto. Suona, disegna benissimo e va a scuola di fumetto. Però non cerco di essere suo amico: sono suo padre, devo essere un punto di riferimento. Sono diventato amico del mio a 40 anni, quando è nata mia figlia. Mi ha aiutato che lui fosse intransigente, mi ha fatto capire che nella vita c’è il bianco e il nero, meglio di uno che ti coccola”.