Me

Enrico Ruggeri, tutto quello che c’è da sapere sul cantautore italiano

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 19 Feb. 2019 alle 07:00 Aggiornato il 27 Feb. 2019 alle 15:20
Immagine di copertina

ENRICO RUGGERI CARRIERA – Enrico Ruggeri è un noto cantautore della musica italiana. Ha vinto due volte il Festival di Sanremo e, nel 2019, è tornato per accompagnare nella serata duetti i Negrita, che partecipavano come concorrenti della sessantanovesima edizione del Festival della canzone italiana.

Sapevate che Enrico Ruggeri ha scritto diversi romanzi e poesie? O che ha doppiato il Rabbino Hyman Krustofsky ne “I Simpson”?

Vediamo la vita pubblica e privata di Enrico Ruggeri.

Enrico Ruggeri | Vita Privata

Enrico Ruggeri è nato a Milano il 5 giugno 1957.

Nel 1986 ha sposato Laura Ferrato e insieme hanno avuto il figlio Pier Enrico (conosciuto come Pico Rama). Il matrimonio con Laura è terminato nel 1994; in seguito ha conosciuto l’attuale compagna Andrea Mirò, dalla quale ha avuto i figli Ugo Federico Benedetto ed Eva Clara.

Enrico Ruggeri | Carriera

Ha iniziato a suonare ai tempi del liceo, fondando nel 1972 la band “Josafat”. Due anni dopo, la band ha mutato pelle con l’arrivo di Silvio Capeccia e ha scelto il nome di Champagne Molotov.

Nel 1977, gli Champagne Molotov hanno compattato la loro musica con i Trifoglio e da quest’unione artistica sono nati i Decibel. Il primo (omonimo) album viene pubblicato nel 1978, ma non ha riscosso grande successo a differenza della partecipazione al Festival di Sanremo 1980 con il brano “Contessa”, che ha concesso loro popolarità.

Il 1981 è l’anno della svolta per Enrico Ruggeri, poiché ha scelto di procedere da solista nel mondo della musica.

Dopo aver scritto alcuni brani per Diana Est, Den Harrow e Albert One, nel 1983 si è fatto conoscere con l’album “Polvere”. Il brano “Il mare d’inverno” cantato da Loredana Berté l’ha consacrato al settore di cantautore.

Nel 1984 Enrico Ruggeri è andato a Sanremo con il brano “Nuovo swing” a cui è seguita la pubblicazione dell’album “Presente studio-live”.

Altri album degli anni ’80 sono “Tutto scorre”, “Enrico VIII”, “La parola ai testimoni e “Contatti”. Ma sono anche gli anni della vittoria a Sanremo 1987 con il brano “Si può dare di più” cantato con Umberto Tozzi e Gianni Morandi.

Gli anni ’90 sono testimoni della pubblicazione di tanti album: “Il falco e il gabbiano”, “Peter Pan”, “Oggetti smarriti”, “Fango e stelle”, “Domani è un altro giorno” e “L’isola dei tesori”. Nel 1993, Enrico Ruggeri ha vinto il Festival di Sanremo con il brano “Mistero”.

Il 2000 ha avviato un nuovo decennio ricco di album per Ruggeri: abbiamo “L’uomo che vola”, “Gli occhi del musicista”, “Punk prima di te”, “Amore e guerra”, “Il regalo di Natale”, “Rock Show” e “All in – L’ultima follia di Enrico Ruggeri”.

Il cantautore ha poi pubblicato “La ruota” nel 2010, “Le canzoni ai testimoni” nel 2012, “Frankenstein” nel 2013 e “Frankenstein 2.0” nel 2014, “Pezzi di vita” nel 2015 e “Un viaggio incredibile” nel 2016.

Sul palco dell’Ariston è salito ben 11 volte. Nel 2018 ha partecipato proprio come concorrente, presentando il brano “Lettera dal Duca” insieme ai Decibel e nel 2019 affianca i Negrita nella serata duetti per la sessantanovesima edizione del Festival condotto da Claudio Baglioni.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sul Festival di Sanremo 2019

Enrico Ruggeri ha pubblicato diversi romanzi – “Che giorno sarà”, “Non si può morire la notte di Natale”, “Una brutta estate” e “Un prezzo da pagare – e anche racconti e poesie (“La giostra”, “Per pudore”, “Piccoli mostri”).

Infine, il cantautore ha anche condotto dei programmi televisivi noti al pubblico italiano, a partire da “Il bivio – Cosa sarebbe successo se…” e “Mistero”. Ha partecipato come giudice a “X Factor 2010” e come concorrente a “I migliori anni”.

Enrico Ruggeri | Instagram

Enrico Ruggeri è molto seguito sui social: qui potete trovare il suo account Instagram, qui quello Facebook e qui quello Twitter. Inoltre, il cantante ha un sito web che potete consultare qui.