Me

Beata ignoranza, il cast completo del film in onda stasera su Rai 3

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 5 Set. 2019 alle 19:36 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:04
Immagine di copertina

Beata ignoranza, il cast completo del film

Qual è il cast del film Beata Ignoranza, in onda stasera su Rai 3? Se vi siete fatti questa domanda, questo articolo fa al caso vostro. Di seguito infatti trovate tutti gli attori principali che hanno preso parte al film che racconta le vicende di due nemici/amici, entrambi insegnanti di liceo, diversissimi tra loro.

QUELLO CHE C’È DA SAPERE SUL FILM BEATA IGNORANZA

Ecco il cast del film al completo, con gli attori e i rispettivi personaggi interpretati:

  • Marco Giallini – Ernesto
  • Alessandro Gassmann – Filippo
  • Valeria Bilello – Margherita
  • Carolina Crescentini – Marianna
  • Teresa Romagnoli – Nina
  • Giuseppe Ragone – Gianluca
  • Malvina Ruggiano – Costanza
  • Emanuela Fanelli – Iris
  • Luca Angeletti – Ernesto Nazi
  • Pietro De Silva – Ulderico
  • Guglielmo Poggi – Paolo Binetti
  • Luciano Scarpa – Mayer
  • Gabriele Berti – Attanasio
  • Teodoro Giambanco – Lorenzo
  • Riccardo D’Alessandro – Pietro Semprini
  • Susy Laude – Sig. ra Zaccarelli

Dove vedere Rai 3 in streaming

In occasione dell’uscita del film nelle sale cinematografiche (2017) Alessandro Gassmann, uno dei protagonisti di Beata Ignoranza, ha rilasciato diverse interviste. Questo uno stralcio delle sue parole a Donna Moderna: “Io e Giallini nella vita reale siamo molto più simili di quanto non lo siano i nostri personaggi, e anche molto più amici. Io ho un profilo Twitter col quale sono abbastanza attivo (@GassmanGass mann, ndr); lui ha un blog, che io non seguo ma mi dicono funzioni. Più attivo su Twitter? Però non ho mai postato una foto della mia vita privata o delle vacanze. Mi sono dato un tempo limite, mezz’ora al mattino e mezz’ora alla sera, e uso l’account soprattutto per coinvolgere persone nelle mie battaglie civili e umanitarie”.

“Ho fatto un appello per denunciare la sporcizia a Roma e uno per piantare una nuova quercia in piazza della Quercia. Ora mi sto dedicando al teatro Valle, chiuso da 5 anni: avevano promesso dei lavori di ristrutturazione ma non sono mai iniziati. E poi c’è la mia attività di ambasciatore dell’Unhrc (l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati, ndr): ricordo alla gente che il 95 per cento dei morti causati dall’Is è musulmano. Con i miei tweet faccio la goccia cinese, vado avanti finché ottengo risultati”.