Me

Salvini posta su Twitter la figlia di 7 anni con lo smalto: bufera social

Momento difficile per il leader della Lega, tra sondaggi e follower in calo

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 25 Ago. 2019 alle 14:05 Aggiornato il 25 Ago. 2019 alle 14:08
Immagine di copertina

È un momento difficile per Matteo Salvini. Dopo mesi di ascesa trionfale, il leader della Lega vive una fase complicata: la crisi di governo da lui stesso avviata sembra essersi rivelato un pericoloso autogol e, secondo indiscrezioni, all’interno del Carroccio striscia il malcontento. Secondo un sondaggio condotto da Winpoll, nell’ultimo mese la Lega ha visto precipitare il proprio consenso di oltre 6 punti percentuali.

Le difficoltà sono evidenti anche sul piano dei social network: da quando si è aperta la crisi di governo, Salvini ha visto sensibilmente calare il numero dei propri follower (il premier dimissionario Conte, per contro, è in crescita). E ormai sotto ogni post del leader leghista compaiono decine di commenti critici.

L’ultimo caso risale a questa mattina, quando dall’account Twitter di Matteo Salvini è stata pubblicata una foto che ritrae il vicepremier sorridente mentre mostra le mani della figlia di 7 anni con le unghie smaltate. “Ma che bello smalto. Buona domenica amici”, scrive il leader della Lega.

Il tweet ha ricevuto centinaia di commenti, molti dei quali non sono teneri nei confronti di Salvini. “Ma lasciala in pace”, attaccano alcuni utenti. “Mettere a pubblica esposizione la figlia…”, osserva un altro. “È il tuo partito che perde smalto”, fa notare un utente. “Povera piccola, avere un papà che la sfrutta sui social. E ancora, c’è chi parla di “abuso mediatico dei figli” e chi lo invita a “evitare di usare i figli per farsi pubblicità”.

L’elenco dei commenti è molto lungo. Ce ne sono diversi anche di sostegno al “Capitano”. Che intanto, sottotraccia, pare stia ancora provando a convincere il M5S a ricomporre la maggioranza di governo gialloverde.

Salvini twitter

Quando Matteo Salvini era sposato: chi sono le donne della sua vita, prima di Verdini e Isoardi