Me

Risultati Sardegna elezioni 2019: Solinas vince con il 47,8% | Tutti i dati ufficiali

Di Daniele Nalbone
Pubblicato il 26 Feb. 2019 alle 17:47 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:19
Immagine di copertina

Risultati Sardegna elezioni 2019

Aggiornamento 26 febbraio 2019 | ore 17.30 – Scrutinate 1.840 sezioni su 1.840

L’ufficio elettorale della regione Sardegna ha reso noti i risultati ufficiali delle elezioni regionali di domenica 24 febbraio 2019. È Christian Solinas, il candidato leghista, sostenuto dal centro destra, il nuovo presidente della regione Sardegna.

Ecco tutti i risultati nel dettaglio:

Risultati Sardegna elezioni 2019 | I voti dei candidati alla presidenza

Christian Solinas (Centrodestra) 47,81%, 363.946 voti

Massimo Zedda (Centrosinistra) 32,91% , 250.560 voti

Francesco Desogus (Movimento 5 Stelle) 11,18% 85.046 voti

Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) 3,34%, 25.478 voti

Mauro Pili (Sardi Liberi) 2,30%, 17.568 voti

Andrea Murgia (Autodeterminatzione) 1,82%, 13.907 voti

Vindice Lecis (Sinistra Sarda) 0,60%, 4.275 voti –

Schede bianche 6.880

Schede nulle 810

Schede contenenti errori 15.131

Risultati Sardegna elezioni 2019 | I voti delle liste

Centrodestra: 51,76%

Centrosinistra: 30,17%

Movimento 5 stelle: 9,72%

Partito dei Sardi: 3,69%

Sardi Liberi: 2,14%

Autodeterminatzione: 1,91%

Sinistra Sarda: 0,60%

Risultati Sardegna elezioni 2019 | I voti dei singoli partiti

Pd: 13,48%

Lega: 11,34%

Psd’Az: 9,89%

FI: 8,07%

Riformatori: 5,02%

FdI: 4,73%

Sardegna Venti 20: 4,13%

LeU: 3,81%

Pro Sardinia-UdC: 3,68%

Campo Progressista: 3,17%

Noi, la Sardegna: 2,81%

Futuro Comune: 2,63%

Sardegna in Comune: 2,47%

Cristiano popolari e socialisti: 1,35%

Sardegna civica: 1,64%

Fortza Paris: 1,63%

Uds: 1,10%

Energie per l’Italia – Sardegna: 0,49%

Progetto comunista per la Sardegna: 0.43%

Il commento di Matteo Salvini a caldo: “Dalle politiche a oggi se c’è una cosa certa è che su sei consultazioni elettorali, la Lega vince 6 a zero sul Pd. Anche in Sardegna, dopo il Friuli, il Molise, Trento, Bolzano e l’Abruzzo i cittadini hanno scelto di far governare la Lega. E come in Abruzzo anche in Sardegna è la prima volta che ci presentiamo alle Regionali. Grazie a tutti quelli che hanno deciso di darci fiducia”.

>>> Risultati elezioni Sardegna, perché lo scrutinio è così lento

> Elezioni Sardegna: i dati sull’affluenza

Sale la tensione nel quartier generale di Zedda

Indaffarati e un po’ preoccupati nel quartier generale di Massimo Zedda, al primo piano dell’hotel Panorama di Cagliari, man mano che arrivano i dati dalle sezioni.

Dati ufficiosi che indicano un andamento non lineare per il candidato del centrosinistra.

Se – in base a quanto si apprende dallo staff – a Cagliari Zedda va bene, d’altro canto arrivano numeri non sempre positivi per lui dall’hinterland del capoluogo come Quartucciu. Nessun dato significativo al momemto dal Nord, mentre sembra non vada bene in alcuni centri dell’Oristanese come Cabras.

Risultati ancora contradditori in Ogliastra (bene a Ulassai e male a Perdasdefogu).

Zedda ancora non si vede e l’attesa dei dati ufficiali si prospetta lunga.

>>> Risultati elezioni Sardegna, cos’è cambiato a distanza di un anno

Aggiornamento ore 10.30 – Dato finale votanti, sono stati il 53,77% 
Ecco i dati dei votanti con le percentuali sugli aventi diritto negli 8 collegi della Sardegna:
CAGLIARI 492.393 elettori / 273.382 votanti / 55,52 per cento
NUORO 140.953 / 74.959 / 53,18
ORISTANO 149.346 / 76.554 / 51,25
SASSARI 294.821 / 161.128 / 54,65
M. CAMPIDANO 89.750 / 45.640 / 50,85
CARBONIA 117.634 / 60.406 / 51,35
OGLIASTRA 52.808 / 28.658 / 54,26
OLBIA TEMPIO 132.696 / 69.982 / 52,73

>>> Elezioni Sardegna, chi ha vinto: i risultati in tempo reale

>>> Risultati elezioni Sardegna 2019: gli exit poll

>>> Elezioni regionali Sardegna 2019: cosa dicono gli exit poll | Le prime reazioni

EXIT POLL ELEZIONI SARDEGNA

Secondo i primi exit poll del consorzio Opinio Italia per la Rai il candidato del centrodestra Christian Solinas oscirebbe tra il 37 e il 41 per cento mentre Massimo Zedda del centrosinistra sarebbe tra il 36 e il 40 per cento. Il candidato pentastellato Francesco Desogus è dato, invece, tra il 13 e il 17 per cento.

Reazioni | M5s: “Noi primo partito”

“Dagli exit poll risultiamo la prima forza politica. Attendiamo i risultati definitivi. Considerando che è la prima volta che ci presentiamo alle regionali in Sardegna siamo molto soddisfatti del fatto che entreremo nel consiglio regionale per la prima volta”. È quanto viene riferito dal Movimento 5 stelle.

Elezioni Sardegna: polemiche

Due le questione che hanno tenuto banco nella giornata di domenica 24 febbraio: la “violazione del silenzio elettorale” da parte di Matteo Salvini, che ha usato i social per continuare la campagna elettorale (qui i dettagli) e la questione del “latte”: a Orune, vicino a Nuoro, due uomini armati e incappucciati hanno assaltato un’autocisterna che trasportava latte a un caseificio. I due hanno costretto l’autista a fermarsi, scaricare il latte per strada prima di darsi alla fuga (qui i dettagli).

E sul tema del silenzio elettorale violato è intervenuto anche Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte Costituzionale: “Il principio sancito dalla legge continua a valere ed è quello che prevede il silenzio perché l’elettore abbia un momento di pausa e non sia sommerso fin sulla soglia della cabina elettorale da messaggi che possono diventare pressioni che possono levargli la libertà”.

Il problema è che “non si può estendere la legge per analogia e, quindi, non possono esserci sanzioni per chi non rispetta il silenzio elettorale sui social. In questo senso la legge andrebbe adeguata ai tempi”.

Elezioni Sardegna legge elettorale

La legge elettorale risale al 2013 ed è già stata usata alle elezioni del 2014.

Viene eletto presidente il candidato che ottiene la maggioranza relativa dei voti.

Se quel candidato ottiene almeno il 25 per cento dei voti, le liste a lui collegate ottengono la maggioranza dei seggi all’interno del Consiglio regionale.

Se il candidato presidente ottiene una percentuale di voti superiore al 40 per cento, le sue liste hanno diritto al 60 per cento dei seggi.

Se il candidato presidente ottiene una percentuale di preferenze tra il 25 e il 40 per cento, ha diritto invece al 55 per cento dei seggi.

Il territorio della Sardegna è diviso in 8 circoscrizioni: Cagliari, Carbonia Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia Tempio, Oristano e Sassari.

Elezioni regionali Sardegna 2019 |  I candidati e quali sono le liste

I candidati presidente alle regionali in Sardegna sono sette:

– Christian Solinas per il centrodestra, sostenuto da Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega tra gli altri;

Massimo Zedda, sindaco di Cagliari e sostenuto da Pd, Leu e altre liste di centrosinistra;

Francesco Desogus, candidato del Movimento Cinque Stelle;

– Ines Pisano, indipendente;

– Andrea Murgia (Autodeterminazione);

– Paolo Manichedda (Partito dei Sardi);

– Mauro Pili (Sardi e Liberi).