Me

Il nuovo gruppo sovranista di Salvini e Le Pen all’Europarlamento si chiamerà Identità e democrazia

Di Laura Melissari
Pubblicato il 13 Giu. 2019 alle 08:12 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:54
Immagine di copertina

Gruppo Salvini Parlamento europeo Identità Democrazia | Salvini e Le Pen | Sovranisti Ue | Marco Zanni 

Gruppo Salvini Parlamento europeo Identità Democrazia | Si chiamerà Identità e democrazia e sarà presieduto dal leghista Marco Zanni. Si tratta del nuovo gruppo sovranista all’Europarlamento, nato dalle ceneri dell’Enf, L’Europa delle Nazioni e delle Libertà.

A farne parte sono in primis gli eurodeputati eletti con la Lega, che sono 28, seguiti da Rassemblement National, di Marine Le Pen e dai tedeschi di Alternative für Deutschland (Afd).

A meno di un mese dalle elezioni europee che hanno riscritto gli equilibri del Parlamento di Strasburgo, si delinea il nuovo assetto in vista della prima plenaria che si terrà il prossimo 2 luglio.

Marco Zanni, responsabile esteri della Lega, presiederà il gruppo, di cui la Lega è “azionista di maggioranza”. Il suo vice sarà il francese Nicolas Bay.

Nei giorni scorsi erano stati confermati i no a far parte di questo nuovo gruppo di Orban, che rimane con il Ppe, e dei polacchi del PiS, che anche in questa legislatura siederanno con il gruppo dei Conservatori, di cui fa parte anche Fratelli d’Italia.

“L’Europa ha bisogno di un cambiamento radicale che abbandoni le logiche imposte da chi fino a oggi ha soltanto preso in giro i cittadini. Chi ha lacerato questa Unione non può vantare la pretesa di ricostruirla. Questo invece è il compito che da oggi spetta a noi”.

Zanni ha precisato che l’uscita dall’Euro non è nel programma del gruppo Identità e democrazia.

Sono in tutto 73 gli Eurodeputati su cui conta il gruppo di Salvini e appartengono a 9 paesi membri.

È il quinto gruppo per numeri, dopo Popolari (179 seggi), Socialisti (153), Liberali (106) e Verdi (75). L’altro gruppo che fa capo all’ideologia sovranista è quello dei Conservatori e riformisti, di cui – come già ricordato – fa parte il gruppo di Giorgia Meloni.

E se la Lega ha già definito la sua rete di alleanze in Europa, il M5s ha ancora difficoltà a farlo, come avevamo spiegato in questo articolo. M5s, il cui unico alleato finora è Nigel Farage con il suo Brexit Party, ha ancora difficoltà a capire con chi starà nella prossima legislatura.

Ecco con chi staranno in Europa i partiti italiani