Me

Di Maio: “Una parte della Lega ha nostalgia di Berlusconi” | Governo news

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 25 Mag. 2019 alle 11:30 Aggiornato il 25 Mag. 2019 alle 13:06
Immagine di copertina

Governo news 25 maggio | Elezioni europee | Salvini | Di Maio

Alla vigilia delle elezioni europee non si placano le polemiche tra i due vicepremier. Luigi Di Maio e Matteo Salvini continuano a lanciarsi accuse reciproche, facendo temere una crisi post-urne.

Da oggi 25 maggio in Italia scatta il silenzio elettorale.

> Governo news: Qui tutti gli ultimi articoli sul governo

Di Maio news

“Credo che il nervosismo della Lega sia collegato al caso Siri. Probabilmente una parte di loro ha nostalgia dei governi con Berlusconi”. In un’intervista all’Unità, che oggi torna in edicola per un giorno sotto la direzione di Maurizio Belpietro (per evitare che la testata decada) il leader M5S Luigi Di Maio torna a pungolare l’alleato di governo e parla anche della questione migranti e del tetto del 3 per cento.

Di Maio news

“Non ho mai capito perché le elezioni europee dovrebbero cambiare il Parlamento italiano”, è stata l’accusa del leader dei 5 Stelle.

“M5S ha il 36 per cento del Parlamento italiano, ha la maggioranza assoluta in Consiglio dei ministri e così rimarrà, io non intenzione di parlare di poltrone da lunedì ma di chiedere abbassamento delle tasse per le imprese e per le famiglie, salario minimo orario da realizzare, il decreto Famiglia, la legge sul conflitto di interessi”.

Governo news | Giorgetti rassicura

A smorzare i toni invece è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, che nei giorni precedenti aveva attaccato il premier Giuseppe Conte.

“Non chiederemo rimpasti dopo il voto”, è stata la rassicurazione di Giorgetti. “Non chiederemo rimpasti, ma puntiamo ad ottenere più voti dello scorso anno, vorrebbe dire che quanto fatto da Matteo Salvini e dalla Lega al Governo avrà avuto un giudizio positivo”.

Salvini news 

Ben poco concilianti i toni del leader della Lega, che non risparmia critiche seppur indirette ai 5 Stelle.

“Ho sentito il governatore del Veneto, Zaia, è molto arrabbiato” per i rallentamenti su “la più grande opera pubblica al momento in costruzione”, la Pedemontana Veneta, perché “su 34 comuni attraversati ci sono 34 sindaci a favore: serve per viaggiare”.

“Io sono stufo di quelli che dicono solo no. Io vi chiedo un voto per il Sì, un Sì anche per l’autonomia”.

Salvini news 

“Non c’era alcuna portata e idoneità offensiva”. Sono le parole del pm di Bari, Iolanda Daniela Chimienti, in merito al caso degli striscioni sequestrati a Gioia del Colle lo scorso 21 maggio durante il comizio di Matteo Salvini.

Secondo il pubblico ministero si è trattato di “esternazioni del proprio convincimento politico che possono assumere toni aspri” ma che sono “prive di portata denigratoria del prestigio della funzione pubblica.

Governo news | Berlusconi

Il leader di Forza Italia continua a insistere sulla fine dell’alleanza di Governo tra Lega e M5s e su nuove elezioni dopo l’estate.

“Ritorno al voto? La scelta spetta al capo dello Stato. Ritengo che ci siano le condizioni per un governo di centrodestra già in questa legislatura; ma laddove questa strada fosse impraticabile, Forza Italia è pronta ad andare a nuove elezioni e a vincerle con una squadra di centrodestra unita e forte”.

Governo news | PD

Nella querelle politica si è inserito anche il leader del Partito democratico. Nicola Zingaretti, commentando il risultato delle elezioni europee in Olanda: “Grande Timmermans belle notizie dalla tua Olanda, con i laburisti in testa e zero seggi per i sovranisti alleati di Salvini che vogliono distruggere l’Europa e affondare l’Italia”.