Me

Crisi di governo, il discorso del premier Conte a Palazzo Chigi | Conferenza stampa

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 3 Giu. 2019 alle 19:40 Aggiornato il 3 Giu. 2019 alle 19:40
Immagine di copertina
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Credit: ANSA/ PALAZZO CHIGI/ FILIPPO ATTILI

Discorso Conte | Conferenza stampa oggi | Crisi governo | Lega M5s

DISCORSO CONTE – Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha iniziato a parlare a Palazzo Chigi. Il discorso era stato annunciato questa mattina, dicendo che il premier avrebbe detto “cose importanti”.

DISCORSO CONTE | LA DIRETTA

Cosa ha detto il premier Conte nel suo atteso discorso, punto per punto

 – SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI –

A questo link la CONFERENZA STAMPA IN DIRETTA LIVE

Qui un riassunto delle parole di Conte in conferenza stampa:

Giuseppe Conte ha iniziato il suo discorso alle 18.15, ricordando il giuramento del governo giallo-verde, avvenuto un anno fa, il 1 giugno 2018.

“Quel giuramento sarà il faro della mia azione come presidente del Consiglio”, ha detto Conte, ricordando il momento del giuramento nelle mani del presidente della Repubblica Mattarella.

Il premier è poi passato a elencare tutti i successi dei primi mesi di governo. Conte ha detto che nel corso del primo anno di legislatura, che Conte chiama “fase uno”, l’obiettivo è stato creare una sorta di “patto sociale” con i cittadini svantaggiati. Questo è stato possibile grazie a misure come decreto dignità, reddito di cittadinanza e Quota 100.

La priorità è stata, per Conte, dare una risposta ai cittadini colpiti dalla crisi e a quelli preoccupati dall’emergenza della sicurezza.

Conte è poi andato al cuore del problema e alla ragione per cui ha deciso di convocare la conferenza stampa: il clima da campagna elettorale permanente e l’ultimatum alle due forze di governo.

Conte ha citato il clima di “campagna elettorale permanente” che non ha fatto del bene alla coesione del governo.

Per il premier Conte sta per iniziare la fase 2, quella che ha come obiettivo il far ripartire gli investimenti. E non c’è tempo per i litigi e i battibecchi tra i due vicepremier.

Conte ha citato il dl Crescita e Sblocca cantieri, fondamentali per la realizzazione del contratto di governo.

“Dobbiamo lavorare alla riforma del fisco, al conflitto di interessi e a una giustizia tributaria più efficente”, ha detto il premier.

“Dobbiamo intervenire per dare sostegno alle famiglie con disabilità e dobbiamo inoltre aiutare le famiglie con molti figli, perché l’Italia è ancora un paese di vecchi”, ha detto Conte.

“E dobbiamo lavorare a una manovra economica che si preannuncia complessa”, ha proseguito il presidente del Consiglio, dicendo che è il tempo dell’azione e non dei litigi.

Il premier ha parlato dell’inversione degli equilibri all’interno della maggioranza, con la Lega che ha riscosso grande successo e il M5s che è uscito ridimensionato. Conte ha invitato a spegnere il clima elettorale permanente che  non giova all’azione di governo. I miei rapporti sono ottimi con i miei ministri e i miei vicepremier. Lavorare per l’interesse del paese significa lasciar perdere la super eccitazione”.

“Sobri nelle parole e operosi delle azioni, è il mio motto”, ha detto ancora Conte, dicendo di essere stato ingenuo a sottovalutare il “pericolo” della divisione che poteva derivare dalle consultazioni elettorali che ci sono state negli ultimi mesi.

“Non possiamo lavorare se cediamo alle provocazioni, che pregiudicano il lavoro del governo”.

Insomma, il premier ha lanciato un esplicito monito ai due alleati di governo: smetterla con il clima da campagna elettorale permanente, con la fibrillazione da competizione elettorale e lavorare per il bene del paese.

Ha invitato alla “leale collaborazione” e al rispetto della grammatica istituzionale.

Conte ha citato anche il presidente Sergio Mattarella, rinnovandogli la stima e ringraziandolo per i consigli e il confronto.

Conte infine ha dato un ultimatum alle due forze politiche di governo, chiedendo se vogliono continuare a lavorare insieme. In caso contrario, se non ci sarà una risposta rapida e chiara, rimetterà il mandato da presidente del Consiglio. “Non posso continuare da solo”.

Discorso Conte | L’annuncio

Conte ha annunciato l’inizio del suo intervento per le ore 18.15, quando prenderà il via una conferenza stampa nella sala dei Galeoni: il suo messaggio sarà trasmesso anche in diretta streaming via Facebook.

L’ipotesi più temuta è che l’equilibrio precario dell’attuale Governo porti alla dissoluzione dell’Esecutivo giallo-verde e a nuove elezioni.

L’obiettivo del premier è di evitare una crisi tra Movimento 5 Stelle e Lega. Per ora tutto quello che si sa è che il premier ha “alcune cose importanti da dire a tutti voi”.

Nel corso della giornata non sono giunte ulteriori indiscrezioni sul contenuto del discorso del premier. L’unica dichiarazione rilasciata da Conte è stata: “Mi impegno molto, sono sempre molto determinato”.

Intervenendo ad un evento dedicato alla legalità all’Università Luiss di Roma ha invece affermato: “La cultura delle regole significa rispetto delle istituzioni e significa avere fiducia nelle istituzioni. Quindi i rappresentanti delle istituzioni devono lavorare per meritare la fiducia”.

Discorso Conte | Dove vederlo in diretta tv e live streaming | Conferenza stampa

Il discorso del premier Conte durante la conferenza stampa indetta per oggi pomeriggio può essere seguito sui canali SkyTg24, Rai News 24 a partire dalle ore 18.15.

Se non si ha a disposizione una televisione, il discorso del premier Giuseppe Conte può comunque essere seguito tramite i canali social: il presidente del Consiglio ha infatti annunciato che la conferenza stampa sarà trasmessa in diretta streaming sul suo profilo Facebook; sul sito di SkyTg24; su SkyGO (piattaforma riservata agli abbonati Sky); e su RaiPlay.it.

Discorso Conte | Anticipazioni | Cosa dirà

Il discorso di Conte del 3 giugno, ad un anno dalla formazione del Governo da lui guidato, arriva dopo ore di silenzio ma soprattutto dopo una settimana particolarmente difficile a livello politico e caratterizzata da un botta e risposta ancora più acceso del solito tra li alleati.

Stasera il discorso di Conte: “Dirò cose importanti”

Stando a quanto emerso a poche ore dall’intervento, le due parole chiave del discorso di Conte saranno “responsabilità” e “dignità”. Il capo dell’esecutivo, sempre secondo indiscrezioni, avrebbe anche lanciato una sorta di ultimatum a Salvini e Di Maio per avere mani libere per trattare con l’Unione europea sul fronte economico.

Oggi il discorso di Conte: cosa dirà oggi il Premier?

“Devo avere i margini per trattare con l’Ue o lascio”: questa la sintesi del ragionamento attribuito al presidente del Consiglio secondo quanto emerge da alcune indiscrezioni che si rincorrono da ore.

Di “cose importanti da dire”, si parla nel messaggio che Conte ha pubblicato sui suoi canali social per dare notizia della conferenza stampa.

> Le news sul governo del 3 giugno

“Oggi alle 18.15 terrò una conferenza stampa a Palazzo Chigi, ho alcune cose importanti da dire a tutti voi. Potrete seguirla in diretta streaming qui sulla mia pagina Facebook”, è stato il messaggio pubblicato su Twitter il capo del governo giallo-verde.

Un messaggio dello stesso tenore è comparso anche sul sito ufficiale del Governo italiano.

 Discorso di Conte | Le reazioni 

Se il premier Conte sta cercando di rimettere insieme i pezzi di un Governo che sembra sul punto di crollare, non si può dire che la Lega stia facendo lo stesso.

Alla vigilia del messaggio del premier gli esponenti della Lega continuano infatti a parlare di scioglimento dell’Esecutivo e di ritorno anticipato alle urne. Uno scenario che, stando ai risultati del Carroccio alle elezioni europee, porterebbe con molta probabilità a un Governo in cui la Lega avrebbe la maggioranza.

Una prospettiva invece molto poco allettante per i 5 Stelle, che continuano a perdere consenso tra gli elettori, sempre più delusi dalle politiche portate avanti dalla componente pentastellata del Governo.

discorso conte governo
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte
Credits: Ansa

> Le ultime notizie sul governo

“Auspico che il presidente Conte faccia un miracolo. Continuo a essere dell’idea che la campagna elettorale è finita e i toni si devono abbassare”, è stato il commento del ministro Gian Marco Centinaio.

“Il premier deve ricominciare a far parlare la politica, e soprattutto i due contraenti del contratto, di cose concrete”.

Da parte della Lega “c’è la buona volontà, ma se non ci dovessero essere le condizioni, se non si riesce a mettersi d’accordo, non vedo alternativa a elezioni”, ha aggiunto Centinaio.

Discorso Conte | Consiglio dei ministri

Mercoledì 5 e giovedì 6 giugno il premier sarà in Vietnam in visita ufficiale, ma il ministro dell’Interno Salvini ha chiesto nuovamente un consiglio dei ministri per discutere di temi importanti come la flat tax, autonomia e il decreto sicurezza bis.

Il vicepremier leghista in particolare ha indicato venerdì 7 giugno come data possibile. “Finalmente sarà approvato il decreto sicurezza bis contro scafisti, camorristi, spacciatori, teppisti da stadio”, ha detto il ministro.

Al di là delle riforme, il prossimo Consiglio dei ministri (tanto rimandato in attesa del risultato delle elezioni europee) potrebbe essere il momento della resa dei conti tra i due vicepremier.

Discorso Conte | Scontro tra gli alleati

L’aria tra Salvini e Di Maio non è mai stata così tesa e la crisi di Governo, quella finale, sembra davvero alle porte e il compito di mediatore che il premier Conte si è assunto non sarà semplice da portare a termine.

Ultimo motivo di scontro tra i due alleati di Governo è lo scontro avvenuto il 2 giugno a Venezia tra una nave da crociera una seconda imbarcazione.

Ad alzare la tensione anche le ultime parole pronunciate dal presidente della Camera Roberto Fico. L’esponente del Movimento ha dedicato la giornata del 2 giungo ai migranti, affermazione che hanno trovato l’opposizione non solo di Salvini, come era prevedibile, ma anche di Di Maio.

“Si tratta di una sua opinione”, è stato il commento del leader politico dei 5 Stelle, che ha subito preso le distanze da Fico per non rendere ancora più profonda la crisi con la Lega.