Me

Telefonata tra Salvini e Di Maio: “clima positivo” tra i due vice premier

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 4 Giu. 2019 alle 16:44 Aggiornato il 4 Giu. 2019 alle 16:44
Immagine di copertina

Crisi governo telefonata | Una “lunga e cordiale” telefonata tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio c’è stata in mattinata. Fonti di entrambi i partiti confermano il colloquio e definiscono il clima tra i due vicepremier “positivo”.

🔴 SE CERCHI LE ULTIME NOTIZIE DI POLITICA ITALIANA E SUL GOVERNO, CLICCA QUI

Lo stesso Salvini ha confermato la telefonata con Luigi Di Maio, dicendo che “è andata bene”.

“Ma noi ci sentiamo spesso, ma non sempre ve lo raccontiamo. Ogni tanto abbiamo idee diverse ma c’è un contratto da onorare, la mia parola vale”, ha detto il ministro dell’Interno e vicepremier, Matteo Salvini.

La maggioranza politica resta però sul filo del rasoio: la telefonata arriva in un momento post elezioni europee in cui sembra sempre più vicino lo scontro finale nel governo. A tenere banco è l’economia: l’avvio di una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia da parte di Bruxelles sembra sempre più probabile. Salvini in tal caso avrebbe minacciato il voto anticipato.

Il 3 giugno è stato il giorno dell’ultimatum del presidente del Consiglio Giuseppe Conte per la maggioranza giallo-verde. Un ultimatum a rispondere all’Ue e allo stesso tempo a placare le tensioni sempre più forti in questa settimana post elettorale.

Dopo momenti di tensione si attende la reazione del mondo politico e dei mercati al discorso tenuto ieri, 3 giugno, dal premier Giuseppe Conte.

Il presidente del Consiglio ha richiamato all’ordine gli alleati di Governo e ha chiesto a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio di decidere se vogliono continuare a lavorare insieme o andare a nuove elezioni (Qui il discorso integrale).

> Venti di crisi: ipotesi voto a settembre

Crisi governo telefonata | Voto anticipato

Ma di elezioni si comincia a parlare anche nei palazzi del Quirinale, Mattarella, secondo il quotidiano la Repubblica, starebbe valutando il ritorno alle urne a settembre per evitare ulteriori danni ai conti pubblici italiani.

> Un anno di governo gialloverde: ecco come è andato