Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

“Un animale grosso in acqua? Un negro”: è bufera sull’assessore leghista a Orzinuovi per la frase razzista

Il giovane Leonardo Binda al centro delle polemiche per le sue parole offensive in un video Facebook

Di Donato De Sena
Pubblicato il 5 Nov. 2019 alle 09:31 Aggiornato il 10 Gen. 2020 alle 19:24
2k
Immagine di copertina
L'assessore leghista a Orzinuovi Leonardo Binda. Immagine da video Facebook

Bufera su un assessore leghista a Orzinuovi per la frase razzista in un video Facebook

Un assessore comunale leghista finisce al centro della bufera per un video razzista pubblicato sui social network. La vicenda riguarda Leonardo Binda, giovane esponente del Carroccio al Comune bresciano di Orzinuovi.

Nelle immagini circolate online Binda, assessore alla Cultura partecipa al gioco nel quale deve riconoscere una figura che alcuni amici gli hanno attaccato in fronte.

L’immagine è quella di una foca. “È quell’animale… grasso che vive in acqua”, gli viene suggerito. La risposta del leghista nel gioco degli indovinelli è offensiva: “È un negro”. “Il negher”, dice il 21enne.

Dopo la diffusione del video, il sindaco di Orzinuovi, il senatore Gianpietro Maffoni, sta valutando di togliere le deleghe all’esponente leghista.

Bina ha cercato di difendersi dalle accuse di razzismo dicendo di non aver avuto l’intenzione di offendere alcuno durante il gioco. Sta di fatto che ora rischia l’incarico. Le minoranze del Consiglio comunale chiedono il passo indietro.

A quanto pare il video è nato da una storia di Instagram, quindi da un filmato temporaneo, che poi è finito nelle chat di diversi gruppi Facebook e Whatsapp. Le immagini sono state poi ricondivise centinaia di volte scatenando la reazione di tanti utenti.

L’assessore si è subito scusato per la sua frase, sempre via social. “Non volevo offendere nessuno, avendo io stesso stima e amicizia con persone di colore”, ha affermato. Ma era già troppo tardi per fermare le polemiche.

Liliana Segre, la dura lettera del figlio Alberto: “Non vi meritate mia madre”

2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.