Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Un animale grosso in acqua? Un negro”: è bufera sull’assessore leghista a Orzinuovi per la frase razzista

Immagine di copertina
L'assessore leghista a Orzinuovi Leonardo Binda. Immagine da video Facebook

Il giovane Leonardo Binda al centro delle polemiche per le sue parole offensive in un video Facebook

Bufera su un assessore leghista a Orzinuovi per la frase razzista in un video Facebook

Un assessore comunale leghista finisce al centro della bufera per un video razzista pubblicato sui social network. La vicenda riguarda Leonardo Binda, giovane esponente del Carroccio al Comune bresciano di Orzinuovi.

Nelle immagini circolate online Binda, assessore alla Cultura partecipa al gioco nel quale deve riconoscere una figura che alcuni amici gli hanno attaccato in fronte.

L’immagine è quella di una foca. “È quell’animale… grasso che vive in acqua”, gli viene suggerito. La risposta del leghista nel gioco degli indovinelli è offensiva: “È un negro”. “Il negher”, dice il 21enne.

Dopo la diffusione del video, il sindaco di Orzinuovi, il senatore Gianpietro Maffoni, sta valutando di togliere le deleghe all’esponente leghista.

Bina ha cercato di difendersi dalle accuse di razzismo dicendo di non aver avuto l’intenzione di offendere alcuno durante il gioco. Sta di fatto che ora rischia l’incarico. Le minoranze del Consiglio comunale chiedono il passo indietro.

A quanto pare il video è nato da una storia di Instagram, quindi da un filmato temporaneo, che poi è finito nelle chat di diversi gruppi Facebook e Whatsapp. Le immagini sono state poi ricondivise centinaia di volte scatenando la reazione di tanti utenti.

L’assessore si è subito scusato per la sua frase, sempre via social. “Non volevo offendere nessuno, avendo io stesso stima e amicizia con persone di colore”, ha affermato. Ma era già troppo tardi per fermare le polemiche.

Liliana Segre, la dura lettera del figlio Alberto: “Non vi meritate mia madre”

Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna
Cronaca / Omicidio Desirée Mariottini, Salvini contro gli imputati: “Criminali che meritano la galera”
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna
Cronaca / Omicidio Desirée Mariottini, Salvini contro gli imputati: “Criminali che meritano la galera”
Politica / Primarie centrosinistra Roma e Bologna oggi: candidati, come si vota, seggi
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Politica / Calabria: Pd, M5S e Leu candidano Maria Ventura, l’imprenditrice attivista Unicef
Politica / Amici, parenti e sconfitti delle regionali: così in Calabria si spartiscono le poltrone per gli enti pubblici