In Uganda sei bambini sono stati sacrificati per portare buona fortuna ai candidati
Condividi su:

In Uganda sei bambini sono stati sacrificati per portare buona fortuna ai candidati

In alcuni paesi africani è credenza diffusa che i sacrifici del genere siano di buon auspicio agli aspiranti candidati

29 Feb. 2016  

Bambini mutilati o uccisi come sacrificio di buona fortuna. È successo in Uganda, nei mesi precedenti alle elezioni dello scorso 18 febbraio, dove almeno sei casi sono stati accertati, nei distretti Ssembabule, Mukono, Buikwe e Mubende. I sospetti sono stati arrestati, ma non è ancora iniziato nessun processo. 

“I casi di sacrifici di bambini sono comuni durante le elezioni. Alcune persone credono che i sacrifici di sangue porteranno ricchezza e potere”, ha detto Shelin Kasozi della Kyampisi Childcare Ministries (KCM), un ente di beneficenza che si occupa dei bambini sopravvissuti ai tentativi di sacrificio.

Mosè Binoga, coordinatore della task force anti-tratta del ministero degli Interni, ha detto che i bambini erano stati dati per dispersi nel periodo elettorale. Ma non ha confermato la notizia del KCM, limitandosi a dire che le indagini sono ancora in corso.

Ha aggiunto che 13 casi, sette bambini e sei adulti, sono stati segnalati nel 2015. Già nel 2014 ne erano stati segnalati altri 13. Nel 2012, un uomo di 82 anni, Hanifa Namuyanja era stato condannato a 15 anni di carcere per aver preso parte al sacrificio di sua nipote Shamim Nalwoga.

Le Nazioni Unite l’anno scorso avevano indagato sugli attacchi contro persone albine in Africa, rivelando che erano in aumento. Il fenomeno è legato ad una crescente domanda da parte degli aspiranti politici delle parti del corpo degli albini, usate nei riti di magia nera nel periodo precedente alle elezioni in diversi paesi africani, perché considerati di buon auspicio. 


–LEGGI ANCHE: Il destino degli albini africani

Le protesi per i bambini albini mutilati in Tanzania