La mostra al MoMa per i 60 anni della Fiat 500
Condividi su:

La mostra al MoMa per i 60 anni della Fiat 500

L'automobile più amata dagli italiani compie 60 anni il 4 luglio 2017. Per festeggiare questo traguardo, il Museo d'Arte Moderna di New York ha acquistato un modello originale della Fiat 500 serie F

04 Lug. 2017  

Il 4 luglio 1957 debuttava in Italia la Fiat 500, una delle automobili più amate dagli italiani. Il primo modello di 500 risale al 1936, nata da un progetto dell’ingegnere Dante Giacosa. Si trattava dell’automobile nota come Topolino.

Nel dopoguerra lo stesso Giacosa creò la Nuova 500, erede della Topolino ma completamente rinnovata. È ormai diventata un’icona dello stile italiano nel mondo.

Lo sviluppo di automobili poco costose e affidabili, come la Fiat 500, è stato fondamentale nel creare una comunità nazionale e favorire la sensazione di libertà di movimento nel dopoguerra in tutto il continente europeo.

Per festeggiare questo traguardo, il Museo d’Arte Moderna di New York ha acquistato un modello originale della Fiat 500 serie F.

“La versione più popolare dell’utilitaria, in produzione dal 1965 al 1972, esemplifica una chiara espressione della forma che segue la funzione, un uso logico ed economico dei materiali e la convinzione che il design di qualità sia accessibile a tutti”, scrive il MoMa. L’automobile entrerà a far parte della galleria permanente del museo.

“Se è vero che la Fiat 500 ha segnato la storia dell’automobile, è altrettanto vero che non è mai stata solo un’automobile”, ha detto Olivier François, Head of Fiat Brand e Chief Marketing Officer FCA.

“Nei suoi 60 anni di storia, 500 è andata ben oltre la sua manifestazione materiale per entrare nell’immaginario collettivo, diventando un’icona, che ora ha l’onore di essere certificata dall’acquisizione del MoMA: un tributo al suo valore artistico e culturale”, ha proseguito.

“La Fiat 500 è un’icona della storia dell’automobile che ha cambiato per sempre il modo di disegnare e di produrre auto”, ha dichiarato Martino Stierli, il Philip Johnson Chief Curator of Architecture and Design del MoMA. “Aggiungere questo capolavoro quotidiano alla nostra collezione ci consente di ampliare il racconto del MoMA sulla storia del design automotive”, ha dichiarato ancora.

Dal 1957 al 1975 sono stati prodotti oltre 4 milioni di esemplari. Dalla Nuova 500 della fine degli anni Cinquanta, alla Sport e poi la D, più potenti, e poi la F che detiene il record di unità prodotte, sino alla più lussuosa L, per arrivare alla R.

La Fiat 500 non è stata solo emblema della motorizzazione di massa. È diventata nel tempo e nello spazio, un’icona di stile e di design. Un design inconfondibile, dal musetto, ai baffi, ai fari, ha ispirato la fantasia di artisti, che l’hanno interpretata in termini di eleganza, esclusività e sportività. Un’auto di successo, ma anche un fenomeno culturale al centro della scena da sessant’anni, senza mai passare di moda.

È un vero e proprio simbolo della creatività italiana che, da sempre, ispira artisti e designer in tutto il mondo, diventando un’icona del bello e dell’arte. Oggi compie un passo in più, diventando essa stessa un’opera d’arte accanto ad altre grandi icone del design italiano.