Me

“Morirai nei prossimi 10 anni?” La risposta in un test su un esame del sangue appena scoperto

Quanto ti resta da vivere?

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 22 Ago. 2019 alle 16:43 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:00
Immagine di copertina
Credit: AFP

Il test sull’esame del sangue che predice il rischio di morte

La morte è inevitabile, ma sapere quando arriverà non lo è necessariamente. Ma gli scienziati hanno sviluppato un test del sangue in grado di prevedere in modo affidabile per quanto tempo vivrà una persona.

A diffondere la scoperta scientifica è stato il Time, dopo la pubblicazione sulla rivista di settore Nature Communications. L’equipe guidata dal dottor Joris Deelen e da P. Eline Slagboom, biologa della Leiden University Medical Center, ha preso in esame il sangue di oltre 44mila persone di età compresa tra i 18 e i 109 anni. 5.512 partecipanti sono morti durante i 16 anni di ricerca.

Secondo il Max Planck Institute for Biology of Ageing di Colonia, infatti, è sufficiente un nuovo test effettuabile su un normale esame del sangue per prevedere se si morirà nei prossimi dieci anni. Il test inoltre è molto affidabile, i ricercatori assicurano una precisione del risultato attorno all’83 per cento.

Il test sull’esame del sangue che predice rischi morte entro 10 anni

Il team di scienziati ha ricercato i “biomarcatori” (indicatori utilizzati nella ricerca medica per misurare processi e risposte biologiche) più alti nei partecipanti che vivevano più a lungo e li ha utilizzati per determinare il rischio di mortalità.

Da questa raccolta di marcatori, il team ha ristretto l’elenco a 14 che hanno saputo fornire, insieme al sesso della persona, una buona immagine del rischio per la salute dei partecipanti e, per associazione, il rischio di morire nell’arco dei prossimi 5/10 anni.

Questi 14 “biomarcatori” nel sangue sembrano quindi indicare il rischio di morte. “Abbiamo voluto affrontare la vulnerabilità della salute delle persone che i medici non possono vedere dall’esterno”, ha dichiarato il dottor Deelen.

Secondo quanto riporta Nature Communications, il test non è ancora pronto ufficialmente per un uso “medico”, e nemmeno per soddisfare una macabra curiosità personale.

“È un passo avanti emozionante ma sono necessari ulteriori ricerche prima che un test del genere possa essere utilizzato come esame convenzionale”.

Un ragazzino ha scoperto un metodo geniale per ripulire il mare dalle microplastiche

“Scoprite le vostre origini etniche”: gli studenti regalano il test del Dna ai ministri italiani

“Il suono è dotato di massa”: la scoperta sensazionale di un team italiano