Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

I tatuaggi dei sopravvissuti al Bataclan per sconfiggere il trauma

Immagine di copertina
Laura Leveque, 32 anni, era al Bataclan il 13 novembre 2015. Credit: JOEL SAGET

Molti dei sopravvissuti all'attacco terroristico in cui morirono 130 persone provano a sconfiggere il dolore con dei tatuaggi sulla loro pelle

“Ero immersa nel sangue, ricoperta di corpi. Ho avuto la sensazione di camminare con dei cadaveri sulle spalle”. La 32enne Laura Leveque, due anni dopo l’incubo del Bataclan, si porta dietro orribili ricordi, ma anche la voglia di ripartire.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Quel 13 novembre di due anni fa una serie di attacchi terroristici a Parigi uccideva 130 persone, ferendone più di 350. La maggior parte delle vittime è stata uccisa durante il concerto degli Eagles of Death Metal nella sala del Bataclan.

Oggi, molti dei sopravvissuti provano a sconfiggere il dolore con dei tatuaggi sulla loro pelle, dei segni che – come quella notte – non si cancellano, ma che sono anche il simbolo della loro resilienza.

Dopo essere sopravvissuta, Laura ha deciso di tatuarsi un corvo, un’eclissi e un serpente che si morde la coda. Il tatuaggio, immortalato dal fotografo di Afp Joel Saget per una serie di scatti nel 2017, dice molto su quello che Laura ha passato. Ma, ancora di più, sono i suoi occhi a parlare.

Fanny, che al Bataclan ha perso il suo compagno Olivier, sulla sua pelle ha scritto invece la frase: “A volte hai bisogno…di lasciar andare le cose”. Mentre Sophie, ferita da due proiettili alla gamba quella sera, ha coperto le sue cicatrici tatuandosi Calavera Catrina, un’icona del giorno dei morti in Messico.

David Fritz Goeppinger, 25 anni, era tra le persone prese in ostaggio al Bataclan, liberate dopo alcune ore. Ha scelto di tatuarsi la data dell’attacco al Bataclan in numeri romani. Ha aggiunto V/V per indicare lui e i suoi 4 amici, tutti vivi prima e dopo l’attacco.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 9.820 casi e 80 morti: il bollettino del 23 maggio 2022
Tecnologia / Whatsapp addio ad alcuni iPhone: dal 24 ottobre non sarà più disponibile su alcuni modelli
TV / Isola dei Famosi 2022: quante puntate, durata e quando finisce
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 9.820 casi e 80 morti: il bollettino del 23 maggio 2022
Tecnologia / Whatsapp addio ad alcuni iPhone: dal 24 ottobre non sarà più disponibile su alcuni modelli
TV / Isola dei Famosi 2022: quante puntate, durata e quando finisce
TV / A che ora inizia l’Isola dei Famosi 2022: l’orario della messa in onda su Canale 5
TV / A che ora inizia Made in Sud 2022: l’orario della messa in onda su Rai 2
TV / Chi era Letizia Battaglia, la fotografa raccontata in Solo per passione
TV / Solo per passione: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Made in Sud 2022: quante puntate, durata e quando finisce lo show comico di Rai 2
Cronaca / Epatite acuta nei bambini, l’Italia è il Paese europeo con più casi. Oms indaga su legame adenovirus-Covid
Lotterie / La storia della slot machine dal 1895 ad oggi