Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

La bellezza sublime e inquietante dello scioglimento dei ghiacciai visto dall’alto

Il fotografo Timo Lieber ha realizzato THAW, un serie di foto aeree che denunciano lo scioglimento dei ghiacciai a causa del riscaldamento globale

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 26 Gen. 2018 alle 14:24
103

Timo Lieber è un fotografo che vive a Londra, il cui intento è quello di scavare oltre l’ovvietà attraverso le sue foto, invitando gli osservatori a ricercare un significato in ogni piccolo dettaglio della quotidianità.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Tra i suoi progetti è presente anche “THAW”, ovvero “DISGELO”, una raccolta di immagini aeree dei ghiacciai in Groenlandia volte a sensibilizzare ulteriormente le persone a proposito del tema dello scioglimento dei ghiacciai.

Come ha documentato Lieber, infatti, all’interno delle calotte di ghiaccio, si stanno formando dei laghi a causa del riscaldamento globale.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Durante il suo viaggio, Lieber è stato assistito dal Scott Polar Research Institute dell’università di Cambridge.

“THAW è più di un semplice progetto fotografico. È una collaborazione tra fotografia e scienza. Ho visitato la calotta polare artica, lavorando al fianco di diversi scienziati che la studiano, e sono stato sopraffatto dalla dimensione del paesaggio e dall’enormità dei problemi associati”.

“THAW evidenzia il numero in rapida crescita di laghi e fiumi blu che si formano sulla calotta glaciale della Groenlandia, una delle aree più inaccessibili del mondo. Qui, nel paesaggio incontaminato, ridotto al minimo di colori e forme, l’impatto drammatico dei cambiamenti climatici è più evidente che in qualsiasi altra parte del mondo”, ha raccontato Lieber.

E in effetti le fotografie, simili a quadri astratti, sono impressionanti e inquietanti.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

103
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.