Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Il bestseller pornografico del Rinascimento

Immagine di copertina

A Manchester sono in mostra le opere di un incisore rinascimentale italiano, Marcantonio Raimondi, considerato l'uomo che ha dato il via alla pornografia di massa

È stata inaugurata il 30 settembre e proseguirà fino al 23
aprile 2017 la mostra della Whitworth Art Gallery di Manchester che vede esposte le opere di un incisore rinascimentale italiano, Marcantonio
Raimondi, il cui nome è poco noto ma i cui imitatori, anche inconsapevoli,
continuano a essere apprezzati ancora oggi.

Raimondi, nato a Bologna nel 1480 circa e morto nel 1534, fu
all’epoca molto noto nella sua professione e collaborò con giganti come
Raffaello, ma il suo maggiore lascito alle generazioni future non sta tanto nel
suo talento artistico, quanto nei soggetti da lui rappresentati nelle sue
opere, che possono essere considerate uno dei primi esempi di pornografia.

Per aver inciso una serie di disegni di Giulio Romano a
soggetto erotico conosciuta come I Modi,
Raimondi fu anche condannato al carcere, ma ormai la diffusione delle immagini
aveva dato il via a una produzione che nei secoli sarebbe diventata sempre più
di massa.

Romano era infatti un allievo di Raffaello, morto alla
giovane all’età di 37 anni, e proseguì il rapporto di collaborazione del suo
maestro con lo stampatore Raimondi, proponendogli però nel 1524 sedici immagini
decisamente osé che volevano
rappresentare una variegata serie di posizioni sessuali (i “modi” del titolo).

Mentre però Giulio Romano aveva lasciato Roma e si era
stabilito come apprezzato artista di corte a Mantova, Raimondi pagò il peccato
di aver reso popolari e disponibili quelle immagini, e per
questo fu imprigionato, almeno finché il famoso poeta dell’epoca Pietro Aretino
non supplicò il papa di rilasciarlo.

Paradossalmente, invece di evitare ulteriori rischi, i due
decisero di collaborare e nel 1527 I Modi
venne ristampato con l’aggiunta di 16 sonetti licenziosi di Aretino, diventando
notissimo in tutta Europa e iniziando di fatto in questo modo la produzione di
pornografia di massa, che com’è noto ha ancora grande successo cinquecento anni
dopo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco quelli presentati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco quelli presentati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Politica / L’ultimo regalo di Draghi a Palazzo Chigi: Maserati in dote al governo. E tanti saluti alla transizione ecologica
Cronaca / Sardegna, lo stabilimento non ha il Pos, l’influencer chiama la Finanza. Il proprietario: “Tanto sono 30 euro di multa”
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci | Sabato 13 agosto 2022
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone e Vergine | Sabato 13 agosto 2022
Politica / Scompaiono i virologi, svanisce la pandemia. In campagna elettorale non c’è traccia del Covid
Politica / Calenda su Berlusconi: “Il Cavaliere non è in sé, non va eletto”
Gossip / La provocazione di Heidi Klum: Heidi Klum: “Il segreto per non invecchiare? Bevo il sangue giovane di mio marito”