Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Lione invasa da un gregge di mille pecore

Le vie della città francese si sono riempite di pecore per protesta contro una legge del governo che tutela i lupi

Di Francesca Loffari
Pubblicato il 11 Ott. 2017 alle 17:49 Aggiornato il 11 Ott. 2017 alle 22:08
750

Lunedì 9 ottobre la città di Lione è stata invasa da un gregge di pecore con più di mille esemplari, per una protesta contro una legge approvata dal governo a tutela dei lupi.

Se ti piace questa notizia, segui TPI pop direttamente su Facebook

Negli ultimi dieci mesi nelle Alpi e nel sud della Francia sono stati uccisi più di ottomila capi di bestiame. I pastori protestano contro il cosiddetto Wolf Plan (Piano lupi) che stabilisce che vengano uccisi un massimo di 40 lupi l’anno, di cui 32 in battute di caccia organizzate e otto dai pastori stessi solo in caso di imminente pericolo.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il provvedimento rientra nell’iniziativa del governo francese a favore del ripopolamento dei lupi. Il canis lupis, infatti, si era estinto in Francia nel 1930, a seguito di un’intensa stagione di caccia.

Negli anni Novanta alcuni esemplari sono tornati nel paese e ultimamente iniziano a rappresentare una minaccia per i greggi dei pastori locali. I gruppi animalisti in difesa dei lupi accusano i pastori di protestare ingiustamente, in quanto godono di sussidi consistenti per proteggere i loro greggi e di risarcimenti finanziari per ogni capo di bestiame ucciso.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

750
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.