Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

La vita psichedelica di un fotografo vagabondo

Si è ritirato in un camper e passa il suo tempo fra droghe e fotografie stranianti, che crea con flash e gel colorati

Di Emma Zannini
Pubblicato il 6 Ott. 2017 alle 15:14 Aggiornato il 6 Ott. 2017 alle 15:29
165

Il fotografo Benoit Paillé da quattro anni ha deciso di vivere in compagnia del suo cane in un camper totalmente privo dei comfort moderni. Gira l’America e si ferma solo nei luoghi che considera al tempo stesso interessanti e banali, dove scatta le sue foto a partire da incontri casuali e momentanei con paesaggi o persone.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Della sua vita in concreto dice di non poter raccontare molto, perché per la maggior parte del tempo è sotto l’effetto di droghe e non ricorda un granché, “è per questo che scatto foto”.

In effetti i suoi scatti sembrano rispecchiare a pieno lo stile di vita scelto: sono fotografie sospese fra l’onirico e la cura estrema per i dettagli.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

165
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.