Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Le foto di John Willie che raccontano il feticismo negli anni Cinquanta

Immagine di copertina

John Willie, pseudonimo di John Alexander Scott Coutts, è stato un importante fumettista, illustratore e fotografo degli anni Quaranta e Cinquanta, considerato uno dei pionieri dello sviluppo dell'arte fetish

In questa gallery mostriamo alcuni scatti realizzati da John Willie, pseudonimo di John Alexander Scott Coutts, importante fumettista, illustratore e fotografo degli anni Quaranta e Cinquanta, considerato uno dei pionieri dello sviluppo dell’arte fetish.

È nato a Singapore da genitori britannici ma cresciuto nel Regno Unito, entrò alla Royal Military Academy Sandhurst e nel 1923 divenne sottotenente del Royal Scots, il reggimento reale scozzese.

Fu costretto a lasciare il suo incarico nel 1925 per aver sposato la hostess di un night club, di nome Eveline Fisher, senza il permesso del suo reggimento.

Emigrò in Australia, facendo il suo ingresso nel mondo del fetish dopo essersi unito all gruppo dell’High Heel Club di Brisbane.

Iniziò così a disegnare e fotografare, avendo spesso come sua musa e modella la sua seconda moglie Holly Anna Faram e cominciò a vendere i suoi disegni e fotografie attraverso la mailing list del club.

Nel 1945 si diresse prima negli Stati Uniti e poi a Montreal, in Canada, dove realizzava i suoi fumetti, i suoi cartoni animati e le sue fotografie che inviava alle riviste statunitensi.

La maggior parte dei suoi lavori sono stati pubblicati su Bizarre, una rivista di soft-porno che ha curato con lo pseudonimo di John Willie tra il 1946 e il 1959.

Il periodico era pieno dei suoi contenuti che mostravano la pratica del bondage, tacchi alti, sadomasochismo, travestitismo e modificazione del corpo.

Le sue storie più famose erano “Le avventure di Sweet Gwendoline”, “Pauline’s Peril” e “Hairbreadth Harry”.

John Willie era un vero maestro del genere definito “BDSM” (B Bondage, D Disciplina e Dominazione, Sottomissione S, e il sadismo , M Masochismo) e disegnò svariate pin-up per le copertine di riviste come Flirt, Beauty Parade, Eyeful e Titter.

È stato anche autore di un piccolo manuale sulla tecnica della schiavitù, intitolato “Dear Jim”.

Dopo aver sviluppato un tumore al cervello, fu costretto a interrompere la sua attività di vendita per corrispondenza.

Distrusse i suoi archivi e si ritirò a Guernsey, dove morì nell’agosto del 1962.

Leggi anche: Sesso, droga e decadenza: le foto che mostrano i giovani russi durante i rave party

Ti potrebbe interessare
Spettacoli / La figlia di Jovanotti si laurea a New York: solo un anno fa ha sconfitto un tumore
Esteri / Russia, Medvedev stronca il piano italiano per la pace in Ucraina: “Basato su menzogne”
TV / X Factor 2022, Dargen D’Amico è il terzo giudice
Ti potrebbe interessare
Spettacoli / La figlia di Jovanotti si laurea a New York: solo un anno fa ha sconfitto un tumore
Esteri / Russia, Medvedev stronca il piano italiano per la pace in Ucraina: “Basato su menzogne”
TV / X Factor 2022, Dargen D’Amico è il terzo giudice
Lotterie / Estrazioni del Lotto, Superenalotto e 10eLotto oggi martedì 24 maggio 2022
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
TV / Don Matteo 13: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Perché Terence Hill lascia Don Matteo: il motivo dell’addio
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”