Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

Il venditore di collanine a Buenos Aires

Immagine di copertina

Si chiama Ashkco, ma tutti lo chiamano Indio. Con il suo banco di collanine è fra i personaggi più noti delle strade di Buenos Aires. Il fotoreportage di Davide D'Amato

Ashkco è il suo nome, ma tutti lo conoscono come “l’Indio”. Ashkco è un nativo americano argentino, nato nella selva Misionera. Non ha ricordi dei suoi genitori: lo hanno abbandonato quando era molto piccolo e non sa il perché. Non sa quanti anni ha: a guardarlo dimostra fra i 50 e i 55 anni. Si ricorda che è cresciuto da solo bevendo latte, quando era bambino, dalle mammelle di maiali selvatici, mangiando ciò che la foresta aveva da offrirgli. 

Non sapeva di essere un umano, non ne aveva mai visto uno. Senza vestirsi, senza lavarsi, con gli animali come unici amici e come nemici. Poi ha incontrato gli uomini e le civiltà, per caso, avvicinandosi a un falò per la prima volta.

Ora vive a Buenos Aires. Vive e lavora lì con il suo banchetto ambulante di collanine e quant’altro. Potete andare a trovarlo, tutti i giorni, nel barrio di San Telmo. 

Sempre pronto ad aiutare gli altri, sempre pronto a regalare un sorriso a tutti. Un sorriso e uno sguardo triste. Definitivamente tra gli uomini, senza essere uno di loro. Perché lui sa di non appartenere alla razza umana: gli uomini gli hanno sempre fatto del male.

E ascoltando la sua vita, ha perfettamente ragione. Si considera un animale strappato alla sua natura. La sua unica pace sono i suoi dieci gatti, gli amati figli che vivono con lui, e un piccione che tra un po’ tornerà a volare libero dopo un incidente. 

E solo quando è con loro i suoi occhi tornano a sorridere.

Il fotografo italiano Davide D’Amato ha avuto modo di conoscere questo personaggio eccentrico di Buenos Aires, Argentina, e ha deciso di raccontarlo attraverso i suoi scatti nel progetto L’Indio. Ashkco e la sua vita presente.

Testo e immagini a cura di Davide D’Amato

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Green pass, Liliana Segre: “Follia paragonare i vaccini alla Shoah”
Cronaca / Sardegna, il cane pastore rimasto a guardia del gregge di pecore nel mezzo dell’incendio
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Green pass, Liliana Segre: “Follia paragonare i vaccini alla Shoah”
Cronaca / Sardegna, il cane pastore rimasto a guardia del gregge di pecore nel mezzo dell’incendio
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Cronaca / "Abusi sessuali sugli alunni di scuola media": arrestato bidello di 56 anni a Brescia
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Sport / Daniele Garozzo sfiora l'oro: è argento nel fioretto
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Cronaca / Siena, investe e uccide per sbaglio l’amica 16enne: “Distrutta dal dolore, non esce di casa”
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Cronaca / Burioni e il tweet sui no vax come sorci: “Era ironico, non lo riscriverei”