Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home

Le foto dei primi Giochi Mondiali per i popoli indigeni

Immagine di copertina

Circa 2mila atleti di tribù indigene provenienti da tutto il mondo hanno partecipato ai Giochi nei loro sport tradizionali

A Palmas, una città nel nord del Brasile, si sono chiusi il 31 ottobre 2015 i primi Giochi Mondiali per i popoli indigeniL’evento era stato inaugurato dalla presidentessa brasiliana Dilma Rousseff e hanno partecipato circa 2mila atleti di tribù indigene provenienti da tutto il mondo.  

Tra gli sport di questa prima edizione dei Giochi erano compresi tiro con l’arco, lancio dell’asta, canottaggio e corsa nella foresta. Sono stati organizzati anche tornei come quello di xikunahity, una versione del calcio giocato solo di testa, per il quale gli atleti si sono vestiti da battaglia con corone di piume, vestiti di paglia e braccia dipinte di bianco. 

Giochi Mondiali per i popoli indigeni sono un grande evento: solo dal Brasile hanno partecipato 24 gruppi indigeni diversi, che costituiscono lo 0.5 per cento della popolazione brasiliana su un totale di circa 200 milioni di abitanti.

I Giochi non sono stati esenti da proteste. Un piccolo gruppo di aborigeni ha manifestato contro gli ingenti costi legati all’organizzazione dei Giochi. A loro parere sarebbe stato meglio spendere quei soldi per migliorare le condizioni delle tribù indigene.

Narube Werreria, un’impiegata statale della tribù Karaja che vive nei dintorni di Palmas, ha criticato l’evento dicendo che viene strumentalizzato dal governo per nascondere la reale situazione degli aborigeni.

Queste popolazioni vivono in una povertà dilagante e sono oggetto di discriminazione. Forti sono le tensioni fra indigeni e contadini, proprietari terrieri e minatori illegali che vorrebbero cacciarli dalle loro terre ancestrali.

“In Brasile le piante di soia sono trattate meglio degli indiani,” dice Cacique Doran, un leader della popolazione Tupi Guarani, un vasto gruppo indigeno dell’Amazzonia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, via libera dell’Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Lotterie / Estrazione Si Vince Tutto: i numeri vincenti estratti oggi 1 dicembre 2021
Terremoti / Terremoto oggi in Italia 1 dicembre 2021: tutte le ultime scosse | Tempo reale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, via libera dell’Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Lotterie / Estrazione Si Vince Tutto: i numeri vincenti estratti oggi 1 dicembre 2021
Terremoti / Terremoto oggi in Italia 1 dicembre 2021: tutte le ultime scosse | Tempo reale
Sport / Napoli Atalanta streaming e diretta tv: dove vederla
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
TV / Quelli che…: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Maurizio Costanzo Show, anticipazioni e ospiti puntata del 1 dicembre 2021
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 1 dicembre 2021
TV / Tutta colpa di Freud, prossima puntata: le anticipazioni (8 dicembre)
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%