Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Fotografie che mettono a nudo i pregiudizi

Immagine di copertina

Lauren Renner chiede ai propri volontari di scriversi sul corpo le etichette positive e negative che vengono attribuite loro

Col progetto In Other Words – In altre parole -, nato nel 2011 quando ancora l’artista frequentava l’università newyorkese SUNY New Paltz, Lauren Renner ha voluto creare un lavoro fotografico che diventasse un procedimento catartico per i volontari che si sono lasciati riprendere nelle immagini.

Renner chiede a chi ha deciso di collaborare con lei nel progetto, che continua tuttora, di scrivere una lista di termini con cui sono soliti autodefinirsi e con cui le altre persone li etichettano. L’elenco è libero e include un numero indefinito di parole, scritte su un foglio nella maniera che il singolo ritiene più appropriata per se stesso. 

(Qui sopra nella foto: due degli elenchi presentati alla fotografa per il progetto In Other Words)

Una volta terminata questa prima fase, la fotografa fissa un giorno per gli scatti, in cui i soggetti da ritrarre devono presentarsi alle 5.45 del mattino, in un orario in cui il servizio fotografico può diventare un vero e proprio rituale.

Le parole dell’elenco vengono scritte a pennarello sulla pelle dei volontari, che si tolgono ogni vestito, spogliandosi, in maniera figurata, di tutti i pregiudizi di cui sono stati vittime a causa degli altri e di se stessi. Le etichette vengono “indossate”, ma diventando leggibili da chiunque, smettono di avere un valore negativo e possono essere superate, trasformandosi soltanto in parole vuote. Quei termini sono sia positivi che negativi, ma comunque limitanti e insufficienti per parlare di un essere umano nel suo complesso.

Con In Other Words, la fotografa aiuta gli altri a liberarsi dei confini delle parole, dagli stereotipi e dai pregiudizi. I volontari hanno descritto l’esperienza entusiasticamente, affermando che il servizio fotografico li ha aiutati a cambiare la propria visione di se stessi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Era una provocazione”: Vittorio Feltri spiega il criticatissimo tweet su Matteo Messina Denaro
Sport / Cremonese Inter streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Lotterie / Estrazioni del Lotto, Superenalotto e 10eLotto oggi sabato 28 gennaio 2023
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Era una provocazione”: Vittorio Feltri spiega il criticatissimo tweet su Matteo Messina Denaro
Sport / Cremonese Inter streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Lotterie / Estrazioni del Lotto, Superenalotto e 10eLotto oggi sabato 28 gennaio 2023
Cronaca / Salerno, bimbo di cinque mesi dimesso dall’ospedale muore poco dopo
Esteri / Accordo da due miliardi di euro tra Italia e Francia per 700 missili Aster all’Ucraina
Politica / Crosetto sotto attacco dell’ex premier russo Medvedev: “È uno sciocco raro”
Politica / L’ex M5s Giarrusso entra nel Pd: “Sto con Bonaccini, all’Italia serve più sinistra”
Cronaca / Bimbi dell’asilo nido maltrattati, indagate cinque maestre e la titolare: “Sbattuti per terra per costringerli a stare seduti”
TV / Verissimo, gli ospiti e le anticipazioni della puntata in onda oggi, sabato 28 gennaio 2023
Esteri / Gerusalemme, nuovo attentato: 13enne spara e ferisce due persone, civili armati lo fermano | VIDEO