Coronavirus:
positivi 13.428
deceduti 34.938
guariti 194.273

Le immagini del 1930 censurate con un misterioso cerchio nero

Le stampe realizzate con i negativi mostrano la realtà delle comunità agricole durante la Grande Depressione

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 8 Mag. 2018 alle 09:29 Aggiornato il 8 Mag. 2018 alle 11:26
236

Alcuni dei più famosi fotografi del ventesimo secolo hanno realizzato queste immagini che mostrano la realtà delle comunità agricole durante il periodo della Grande Depressione.

Le fotografie sono state censurate con un misterioso cerchio nero e saranno esposte per la prima volta a Londra, alla galleria Whitechapel.

Da Walker Evans a Dorothea Lange, passando per Russell Lee: ogni immagine di questi importanti fotografi è stata censurata con una macchia nera.

I cerchi neri che cancellavano l’intero volto dei contadini del Nord Dakota, dell’Arkansas e del Maryland sono stati applicati alle immagini negli anni Trenta, quando i negativi sono stati censurati.

I negativi sono stati mutilati, perforati con diversi fori per impedire l’utilizzo dell’immagine anche in forma ritagliata, ma mai completamente distrutti.

Le immagini censurate sono state digitalizzate di recente e provengono tutte da un progetto pionieristico della FSA, che negli anni Trenta ha mandato i fotografi nei campi, nelle fattorie, nei villaggi e nelle piccole città in tutta l’America per registrare le comunità agricole che sono state colpite dalla Grande Depressione.

Le immagini sono state censurate perché giudicate non conformi ai criteri rigorosi imposti dall’associazione FSA ai fotografi, i quali dovevano testimoniare la realtà dell’America rurale nel periodo della Grande Depressione.

Qui abbiamo raccolto una serie di fotografie memorabili del Novecento (che in pochi hanno visto).

Molte non sono presenti sui libri di storia né sono note al grande pubblico, ma la loro forza è innegabile, essendo in grado di rappresentare perfettamente momenti ed epoche che nel bene o nel male hanno segnato la Storia recente.

236
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.