Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Le foto che mostrano la realtà brutta e decadente dietro gli scatti “perfetti” delle modelle su Instagram

Ci sono alcune foto che sembrano scattate in posti magici e senza tempo, eppure non è sempre questa la realtà delle cose

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 12 Feb. 2018 alle 14:40
919

Non è tutto oro quello che luccica. E se questo è vero per qualsiasi ambito della vita, è ancora più vero per le fotografie condivise sui social network.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Scorrendo le immagini che vengono pubblicate – per esempio, su Instagram – da influencer, fashion blogger, modelle e personaggi di tendenza, l’apparenza è che le loro vite siano circondate da un’aura di perfezione.

Per questo motivo, e per svelare la verità dietro l’irreale bellezza di alcuni scatti, una giovane fotografa statunitense ha realizzato una serie di fotografie fatte in brutte location.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Kelsey Maggart, di 22 anni e originaria dell’indiana, ha dunque deciso di mostrare la differenza tra la realtà – spesso decadente – di un luogo e l’apparenza che gli viene data attraverso l’utilizzo dei vari programmi per modificare le foto.

In questo modo, anche i luoghi più impensati si trasformano in magiche location per un servizio fotografico: stazioni di rifornimento, cortili incolti, negozi di fiori.

Ogni posto è buono per scattare una foto, anche quando si hanno a disposizione risorse limitate, come dimostra la serie di Maggart, poiché ciò che conta sta nell’abilità del fotografo di catturare gli angoli giusti e di modificare i colori e le luci.

Proveniente da una piccola città, che risulta insignificante nella sua normalità nello sconfinato territorio degli Stati Uniti, Maggart ha imparato a usare tutta la sua creatività per massimizzare il potenziale delle sue location.

Così facendo, anche luoghi come il ristorante di KFC, Walmart, Hobby Lobby e i distributori di benzina appaiono sfondi incredibilmente artistici.

“Faccio la fotografa e studio da 3 o 4 anni “, ha detto Kelsey a Bored Panda. “Uso una Nikon D750”.

“Preferisco di più un luogo abbandonato o malandato “, ha raccontato la fotografa. “Gran parte della mia città è proprio così, quindi non è stato difficile renderlo parte del mio stile”.

Gli scatti di Maggart, dunque, insegnano che non serve viaggiare per chissà quale meta esotica per scattare delle buone fotografie, l’importante è saper usare gli strumenti del mestiere.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

919
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.