Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

Nani, trans, reietti della società: le foto dei “mostri” americani che sconvolgevano il pubblico negli anni ’60

Immagine di copertina

Un elogio alla diversità, una propensione naturale rivolta a ciò che la società del tempo denigrava, forse temeva, e rifiutava

Diane Arbus, rivoluzionaria fotografa americana, nacque il 14 marzo 1923 a New York da una ricca famiglia di origini russe.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Fin da piccola si mostrò brillante e combattiva verso i dogmi morali imposti dalla società, tanto che a soli 18 anni si sposò.

La famiglia non appoggiò mai la sua decisione, ma Diane, proprio insieme e grazie a suo marito Allan Arbus, si avvicinò al mondo della fotografia, iniziando dopo pochi anni a fotografare i soggetti da lei preferiti, gli emarginati, persone con anomalie fisiche, con disturbi di mente o lineamenti particolari.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Nani, giganti, deformi e ancora nudisti, artisti circensi, barboni, prostitute, transessuali, scioccarono immediatamente il pubblico suo contemporaneo tanto da soprannominare la Arbus ”fotografa di mostri”.

Le sue istantanee furono fin da subito esposte al MoMA di New York e spesso imbrattate dagli sputi dei visitatori poiché ritenute scandalose e ripugnanti. Negli anni sessanta ricevette due borse di studio dalla Fondazione Guggenheim e successivamente insegnò fotografia in molte scuole a New York e Amherst.

Nella società del dopoguerra, secondo Diane i cosiddetti “freaks” (mostri) avevano diritto ad avere voce e dignità; così le sue fotografie non li immortalavano ne consideravano più come fenomeni da baraccone o scarti della società, ma li resero veri e propri protagonisti della scena.

Vennero di conseguenza capovolti anche i ruoli tra lo spettatore e l’emarginato: a restare nella condizione di imbarazzo e di disagio fu il pubblico, di fronte alla realtà drammatica del mondo, non più quindi i reietti.

Il progetto della Arbus era caratterizzato dal motto: “She come to them”, letteralmente “lei va da loro”.

Effettivamente era proprio questo che contraddistingueva il lavoro rivoluzionario della fotografa statunitense: non soltanto la scelta anti-convenzionale di questa categoria di persone, ma l’approccio umano che ricercò e i rapporti familiari e quasi intimi che riuscì a stabilire con i suoi soggetti, giudicati dalla società come patetici e inutili, ma che Diane ritenne sempre degni di rispetto e considerazione.

Malata di depressione, Diane Arbus perse poi interesse per la fotografia, e sentendosi oppressa dal successo si suicidò il 26 luglio 1971, ingoiando sedativi e tagliandosi le vene.

Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Cronaca / Morto suicida il medico Giuseppe De Donno: tra i promotori della cura al plasma contro il Covid
Cronaca / "Non chiamateci no vax": un giorno a Roma insieme ai manifestanti contro il Green Pass
Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Cronaca / Morto suicida il medico Giuseppe De Donno: tra i promotori della cura al plasma contro il Covid
Cronaca / "Non chiamateci no vax": un giorno a Roma insieme ai manifestanti contro il Green Pass
Sport / Tokyo 2020: quando gareggia Federica Pellegrini nella finale dei 200 stile libero
Lotterie / Estrazione Lotto e 10eLotto: i numeri vincenti estratti oggi martedì 27 luglio 2021
Lotterie / Simbolotto, estrazione di oggi 27 luglio 2021 | Lotto
Cronaca / Scuola, in arrivo il piano per il rientro in presenza. Sindacati: "Fuorviante parlare di obbligo vaccinale"
Politica / Caso camici, per i pm "Fontana ha anteposto il suo interesse a quello pubblico"
Cronaca / Alluvioni e frane nel Comasco: torrenti di fango lasciano isolati gli abitanti | VIDEO
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi