Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

I malati di AIDS non sono diversi da noi

Immagine di copertina
Credit: Stephen Barker

ACT UP si batte da anni per richiamare l'attenzione sulla vita dei malati di AIDS

La Comunità ACT UP, letteralmente Coalizione AIDS per scatenare il potere, è un’organizzazione internazionale che si batte, fin dal 1987, per richiamare l’attenzione sulle vite dei malati di AIDS.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook 

Nel 1988, l’attivista e scrittore statunitense Vito Russo, nel suo discorso “Why We Fight”, paragonò la vita dei malati di AIDS a una vera e propria guerra.

Nei quattro anni precedenti, Russo aveva preso parte a due funerali a settimana di persone colpite dalla malattia.

Il fotografo Stephen Barker, dopo essere diventato membro della comunità nel 1989, ha immortalato alcune persone affette da questa grave malattia. Anche lui, come Vito Russo, ha visto molti amici morire per questa terribile malattia.

L’Hiv è un virus che si ciba delle cellule cd4, un sottoinsieme dei nostri globuli bianchi. Una volta entrato nell’organismo si avvia il processo per il quale si creano sempre più copie del virus e sempre meno cellule cd4. L’organismo si accorge che ci sono pochi globuli bianchi di tipo cd4 e quindi li crea, alimentando il virus. La malattia abbassa le difese immunitarie rendendoci più esposti ad altri virus e meno resistenti alle infezioni, che in breve tempo si aggravano.

Ogni giorno in Italia 11 persone scoprono di essere sieropositive. Secondo l’Istituto superiore di sanità le nuove diagnosi di infezione da Hiv sono 4mila l’anno. Siamo il secondo paese in Europa per incidenza di Aids, dopo il Portogallo. Gli italiani si ammalano per disinformazione e ignoranza sulle modalità di trasmissione di un virus che nel biennio 2012-2013 ha causato 645 decessi.

Attualmente la modalità principale di trasmissione è quella sessuale, in particolare quella eterosessuale. Le notifiche di infezione di Hiv associate a questo tipo di trasmissione sono aumentate dall’8 per cento del 1985 all’85,5 per cento del 2015.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La moglie di Beppe Grillo: "Quella notte non ho sentito nulla di anomalo"
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Politica / "Partecipatissima assemblea di Italia Viva", ma nella foto gli iscritti appaiono due volte
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La moglie di Beppe Grillo: "Quella notte non ho sentito nulla di anomalo"
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Politica / "Partecipatissima assemblea di Italia Viva", ma nella foto gli iscritti appaiono due volte
Cronaca / “All’inizio sembrava che non volesse”: le chat di Ciro Grillo e gli amici accusati di stupro
TV / Ascolti tv martedì 11 maggio: David di Donatello 2021, La scelta, DiMartedì
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Politica / Coprifuoco e riaperture, Draghi stoppa Salvini: “Cautela”. Cosa può cambiare
Oroscopo / Oroscopo Branko oggi, mercoledì 12 maggio 2021: le previsioni segno per segno
Cronaca / Somministrate 24.8 milioni di dosi
Sondaggi / Sondaggi: Salvini continua a calare, ne beneficia Meloni