Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Cosa ci faceva un campo di grano nel cuore di Manhattan nel 1982

Si trattava di un'opera d'arte dell'artista Agnes Denes, che voleva trasmettere un messaggio importante. Ecco quale

Di Francesca Loffari
Pubblicato il 27 Nov. 2017 alle 15:45 Aggiornato il 27 Nov. 2017 alle 16:04
60

Prima che sorgessero le ville, i centri finanziari e le strade nel quartiere che oggi è conosciuto come Battery Park city, nella punta più a sud di Manhattan c’era un campo di grano.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Non si trattava di un campo di grano qualsiasi ma di una vera e propria opera d’arte, intitolata “Weathfield- A confrontation”. Nel 1982 il Public Art Fund commissionò all’artista Agnes Denes, di origini ungheresi ma trasferitasi negli Stati Uniti fin dall’adolescenza, l’impresa di creare una delle opere pubbliche più impressionanti degli ultimi anni. Invece di una scultura, Denes decise di piantare un campo di grano.

Il terreno in questione aveva una superficie di quasi due ettari ed era diventato una discarica, dove venivano trasferiti i materiali di scarto per la costruzione delle Torri Gemelle. Nel maggio del 1982, furono portati duecento camion carichi di terra e 285 solchi furono scavati a mano, ripuliti da rocce e immondizie. L’artista, con l’aiuto di due assistenti e di alcuni volontari piantò i semi e installò un sistema di irrigazione, che avrebbe garantito il ciclo di crescita del grano. Il 16 agosto 1982 furono raccolti circa 450 chili di grano.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Piantare del grano su un appezzamento di terreno dal valore di mercato pari a più di tre miliardi e mezzo di euro rientrava in un progetto dal forte valore simbolico. L’intento dell’artista era, infatti, riportare l’attenzione su una scala di valori ormai perduti. Weathfield era il simbolo di un concetto universale: il grano rappresentava cibo, energia e commercio e quindi, benessere.

L’opera si poneva in posizione di aperta critica verso la cattiva gestione delle risorse primarie, lo spreco e lo scarso interesse verso le questioni ambientali e i modelli di sviluppo sostenibile.

Negli anni successivi, su quel terreno sono sorti palazzi residenziali . Ma i 450 chili di grano raccolto fecero il giro di 28 città statunitensi, durante l’International Art Show for the End of World Hunger, organizzato dal Minnesota Museum of Art, tra il 1987 e 1990.

Le immagini mostrano i colori intensi del campo di grano dietro il quale si stagliano i profili della Statua della Libertà e delle Torri Gemelle, in un’atmosfera surreale.

Nel 2015, Denes ha ricreato un nuovo Weathfield, in occasione dell’Expo di Milano, nell’area di Porta Nuova del capoluogo lombardo. Anche stavolta l’intento del progetto era promuovere il ritorno alla semplicità.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

60
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.