Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

I caffè dove si mangia e si beve gratis

Immagine di copertina

Negli Ziferblat, 14 locali attorno al mondo, tutto è gratuito, a parte il tempo che uno trascorre all'interno: questo infatti costa 7 centesimi al minuto

Tutto quello che troverete al caffè Ziferblat è gratis per davvero. A parte il tempo, che pagherete 7 centesimi al minuto per la durata della vostra permanenza all’interno. La filosofia di questa bizzarra catena di bar è davvero rivoluzionaria: un luogo dove potersi sentire liberi di restare quanto a lungo si vuole, senza dover lasciare il locale finita la consumazione.

Se siete stanchi di essere fissati dal cameriere mentre siete intenti a utilizzare il wi-fi, magari sentendovi in colpa perché avete ordinato solamente un caffè, questo è sicuramente il posto che fa al caso vostro. 

Il Guardian lo ha definito “un posto fantastico”. Al suo interno è possibile mangiare e bere senza limiti, rispettando le regole, ovviamente. I piatti vanno lavati e riposti dov’erano, una volta terminato. La filosofia che vige allo Ziferblat è il rispetto per l’altro e dello spazio comune. Sorprendentemente, il tempo che i clienti passano all’interno di questi bar supera di gran lunga il tempo che trascorrono nei locali ordinari.

Ivan Meetin ha aperto il primo Ziferblat nel 2011 a Mosca, in Russia. All’inizio si trattava di una casa sull’albero per adulti, dove una piccola comunità di poeti si riuniva per condividere le proprie idee. Poco a poco, la piccola casa sull’albero cominciò a brulicare di persone che volevano prendere parte a questa riunione quotidiana e impregnarsi dello spirito di comunità che si era creato al suo interno.

Quando la casa sull’albero divenne davvero troppo piccola per ospitare tutte quelle persone, Ivan decise di spostarsi altrove. All’inizio il sostentamento economico proveniva dalle donazioni dei visitatori, più avanti la necessità di avere un’entrata costante, ha generato il modello sul quale si basa tuttora Ziferblat: la tassa al minuto.

Oggi questo straordinario locale è presente in 14 punti in tutto il mondo, non solo in Russia ma anche altrove come a Londra e Lubiana. Seppure non abbia lo stesso nome, anche nel nostro paese, precisamente a Roma, è presente un equivalente: si chiama AntiCafè, in via Veio 4 (zona San Giovanni), e anche lì, per chi lo volesse, è possibile godersi ciò che il bar ha da offrire senza pagare altro che il tempo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Nomine Rai, le anticipazioni su TPI: spuntano due nuovi nomi per i vertici di Viale Mazzini
Cronaca / Assalto a portavalori sull’A1 con spari e esplosioni. Caccia ai rapinatori | VIDEO
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Ti potrebbe interessare
Politica / Nomine Rai, le anticipazioni su TPI: spuntano due nuovi nomi per i vertici di Viale Mazzini
Cronaca / Assalto a portavalori sull’A1 con spari e esplosioni. Caccia ai rapinatori | VIDEO
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Cronaca / Lombardia, preoccupa la variante Delta: “81 casi già registrati”
Sport / Eriksen migliora e presto potrebbe lasciare l’ospedale, il post sui social: “Sto bene, grazie per i messaggi”
Sport / Cristiano Ronaldo mette via la Coca Cola durante la conferenza stampa: “Bevete acqua”
Cronaca / Pasticcio AstraZeneca: le Regioni stanno decidendo da sole per la seconda dose
Politica / Speranza: “A fine luglio Italia fuori dallo stato d’emergenza. AstraZeneca? Nessuno è una cavia da laboratorio”