Me

Yemen, allarme dell’Oim per la situazione dei migranti nei centri di detenzione

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 2 Mag. 2019 alle 21:29 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:33
Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / International Organization for Migration

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) lancia l’allarme per la situazione umanitaria nei centri di detenzione per migranti in Yemen, dove dal 2015 è in corso una guerra civile.

In un rapporto diffuso oggi a Ginevra l’organizzazione riferisce di profughi uccisi e trattati in modo disumano in centri improvvisati.

L’Oim sta monitorando, in particolare, le condizioni di circa 5mila migranti del Corno d’Africa detenuti in tre siti, due stadi sportivi e un campo militare.

Tra i vari casi si cita quello di otto migranti, in maggioranza etiopi, morti perché colpiti da diarrea acuta in un campo che conta complessivamente più di 1.400 persone detenute. In un altro campo le guardie hanno sparato sui migranti, causando due feriti tra i quali un adolescente probabilmente paralizzato a vita.

Il team dell’Oim presente ad Aden, capitale dello Yemen, inoltre, è venuto a conoscenza di arresti di massa e della detenzione di migliaia di migranti il avvenuti ​​21 aprile.

Secondo il direttore della divisione operazioni e emergenze dell’Oim, Mohammed Abdiker, questi migranti, “nella migliore delle ipotesi, hanno solo un accesso limitato ai servizi di base o alla protezione”.

“Temo che questa terribile situazione si deteriorerà ulteriormente”, ha osservato Abdiker, sottolineando “la necessità immediata” di avere un’autorità civile per la gestione di questi siti.

“Sono molto preoccupato che questa terribile situazione possa peggiorare ulteriormente”, ha aggiunto. “Il nostro team sul campo ha fatto passi da gigante con i difensori locali tra i diversi livelli di governo. Tuttavia, è tempo di vedere queste parole trasformate in azioni che mettono fine a questo abuso prima che si perdano altre vite innocenti “.

Colera in Yemen, MSF: “In 3 mesi da 140 a 2mila casi sospetti a settimana”

Crisi Yemen, ospedali distrutti o irraggiungibili: madri e bambini muoiono senza cure

Papa Francesco: “Le armi cessino di insanguinare Libia, Siria e Yemen”