Me

Volo Bucarest-Il Cairo: egiziano trascinato di peso fuori dall’aereo, le immagini diventano virali | VIDEO

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 21 Lug. 2019 alle 19:37 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:17

Su un volo Bucarest-Il Cairo, è andato in scena l’arresto di un uomo egiziano e della sua famiglia. Tutti sono stati costretti con violenza a scendere dall’aereo dalla polizia: il video della scena è stato ripreso da un altro passeggero e postato sui social.

Prima hanno chiesto alla famiglia intera di cambiare posto, poi li hanno trascinati di forza fuori dall’aereo, mentre gli altri passeggeri protestavano. L’episodio è avvenuto all’aeroporto di Bucarest su un volo di linea della compagnia Tarom diretto alla capitale egiziana.

Nelle immagini diffuse sui social da un passeggero – che poi le ha rimosse – si vede nitidamente l’intervento degli agenti di sicurezza che cercano di ammanettare l’uomo. Dopo attimi di panico, scattano le manette ai polsi dell’egiziano, che viene trascinato di peso fuori dall’aereo.

Le immagini che immortalano la violenza con cui gli agenti arrestano l’uomo sono rimbalzate da una parte all’altra del mondo, spingendo la compagnia aerea romena Tarom a spiegare quanto avvenuto sul volo Bucarest-Il Cairo.

Secondo quanto si legge sul comunicato della Tarom, la famiglia egiziana sull’aereo occupava i sedili posti in corrispondenza dell’uscita di sicurezza. Nessun membro del nucleo familiare conosceva il romeno né l’inglese e questo non permetteva loro di occupare quei posti. In caso di emergenza, non avrebbero compreso le indicazioni, ostruendo le operazioni di soccorso.

In più, Tarom scrive che la famiglia aveva posizionato dei bagagli sotto ai sedili. Anche questa sarebbe una pratica vietata per chi siede in corrispondenza delle uscite di sicurezza.

L’uomo che nelle immagini viene ammanettato non avrebbe capito che gli agenti stavano chiedendo a lui e alla sua famiglia di cambiare posto e avrebbe avuto una reazione inappropriata, arrivando a insultare e a sputare contro gli agenti della sicurezza. Solo a quel punto si è reso necessario l’intervento della polizia.

Il post della compagnia Tarom

Selfie sorridente davanti all’epigrafe di uno dei ragazzi morti nell’incidente di Jesolo: pestato