Me

Esclusivo TPI: la Siria brucia ma nessuno ne parla più. Case e campi in fiamme nel Rojava

Benedetta Argentieri e Kovan Direj, attualmente in Siria, documentano per TPI attraverso questo foto-reportage quanto sta accadendo dopo la caduta dell'Isis nella zona autonoma curda

Di Benedetta Argentieri e Kovan Direj
Pubblicato il 26 Giu. 2019 alle 11:25 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:13
Immagine di copertina
Un gruppo di agricoltori tenta disperatamente di spegnere un incendio con coperte e magliette a Tirbespiyes, nel nord-est della Siria. Credit: Kovan Direj

ESCLUSIVO • The Post Internazionale (TPI.it) Vi portiamo in Siria: con questo foto-reportage in esclusiva vi mostriamo costa sta accadendo, dopo la caduta dell’Isis, nel Rojava, zona autonoma curda nel nord-est del paese.

In quest’area ancora contesa tra il governo di Damasco, la Turchia e i residui del sedicente Stato islamico, da alcune settimane “misteriosi” incendi stanno distruggendo i campi di grano proprio nella stagione dei raccolti [TPI ne ha già parlato in questo articolo].

Secondo le ultime stime dell’autorità agricola ed economica dell’amministrazione autonoma, almeno sette persone sono morte.

A che punto è la guerra in Siria dopo la sconfitta dello Stato islamico

Siria Rojava incendi
Un contadino osserva un campo ormai carbonizzato a Tirbespiyes, nel nord-est della Siria. Credit: Kovan Direj

Siria Rojava incendi – I roghi sono molto difficili da domare a causa del vento e delle alte temperature estive. Si sono estesi velocemente distruggendo anche diverse case. E sono tutti di origini dolose.

Testimoni e fotografie non lasciano dubbi: il fuoco è stato appiccato da cellule dormienti dell’Isis, dal governo siriano e da soldati turchi.

L’obiettivo è quello di colpire l’economia locale, che è basata al 70 per cento sull’agricoltura. Decine di famiglie hanno perso la loro casa. Oltre 20mila ettari di raccolto sono stati persi, per un danno economico di 19 miliardi di sterline siriane, pari a oltre 32 milioni di euro.

“Vi spiego come funziona Jinwar, il villaggio siriano di sole donne che vuole abbattere il patriarcato”

Siria Rojava incendi
Lo sguardo rassegnato di un contadino davanti ai campi incendiati a Tirbespiyes, nel nord-est della Siria. Credit: Kovan Direj

Come si vede in queste foto scattate a Tirbespiyes, gruppi di contadini hanno cercato disperatamente di spegnere le fiamme con coperte e magliette, affiancandosi a un vecchio camion dei pompieri.

“Vi siete dimenticati di noi, qui è un inferno”: la vita di una profuga di Afrin nei campi di Shehba

Siria Rojava incendi
Tre contadini cercano disperatamente di spegnere un rogo in un campo con coperte e magliette a Tirbespiyes, nel nord-est della Siria. Credit: Kovan Direj

Siria Rojava incendi – Sono passati nove anni dall’inizio della guerra in Siria. Nel Rojava le comunità locali, a maggioranza curda, stanno dando vita a un’esperimento politico-sociale basato su democrazia dal basso, ecologia e liberazione delle donne.

Dopo anni di bombardamenti, questa volta sono i campi agricoli, vitali per l’economia del territorio, a essere utilizzati come “armi” contro chi sta provando a ricominciare.

Testo di Benedetta Argentieri e Kovan Direj.

L’italiana che ha combattuto contro l’Isis a TPI: “Ecco perché sono andata in Siria a unirmi alle Ypj”

Siria Rojava incendi
Un contadino corre tentando di spegnere un incendio con la sua sciarpa a Tirbespiyes, nel nord-est della Siria. Credit: Kovan Direj

Siria, il cibo è usato come “arma da guerra”: campi di grano dati alle fiamme dall’Isis