Me

Siria, continuano i raid su Idlib: 28 persone uccise, 7 sono civili

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 14 Giu. 2019 alle 14:01 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:13
Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Raid governativo contro Idlib. Credit: OMAR HAJ KADOUR / AFP

Siria raid Idlib civili uccisi –Nelle ultime 24 ore 28 persone, di cui 7 civili, sono rimaste uccise a seguito dei raid aerei russi e siriani nel nord-ovest del paese, nella regione di Idlib.

La notizia è stata riportata dall’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), che basa il suo lavoro sulle informazioni che riceva da fonti attive sul terreno.

L’Ondus ha precisato che i raid sono avvenuti tra Hama e Idlib, una zona che da mesi il presidente siriano Bashar al Assad sta cercando di riconquistare con l’aiuto della Russia, sottraendola al controllo di ribelli e jihadisti supportati a loro volta dalla Turchia.

A riferire dei morti nella regione è stata anche l’agenzia governativa siriana Sana, che ha però parlato di numerosi “terroristi” morti nell’area compresa tra Hama e Idlib.

Siria, cibo è usato come “arma da guerra”: campi di grano dati alle fiamme dall’Isis

La regione di Idlib è l’area maggiormente instabile della Siria dopo la sconfitta dello Stato islamico nel sud est del paese.

Solo ieri, 13 giugno, tre soldati turchi sono stati feriti a seguito di un raid di artiglieria  lanciato dalle forze governative contro una base militare turca tra la regione di Hama e quella di Idlib.  Questo quanto riferito da media turchi.

Idlib

Nella provincia che Assad sta cercando di riprendere hanno trovato rifugio gruppi eterogenei, che vanno dai ribelli anti-Assad che hanno preso le armi contro il governo fin dall’inizio della rivolta fino ai jihadisti di Hay’et Tahrir al-Sham (HTS) appoggiati  dalla Turchia.

Dal 15 settembre vige una situazione di stallo nella regione, da quando Mosca – alleato del presidente siriano Bashar al Assad –  e Ankara hanno firmato un accordo per la creazione di una de-escalation zone di 15-20 chilometri intorno alla provincia.

La tregua però è stata infranta più volte e dal 30 aprile i raid delle forze governative e russe nella zona sud della provincia si sono intensificati, tanto da far pensare ad una imminente offensiva contro Idlib.