Me

Fuma sigaretta elettronica e muore: è il primo caso al mondo. Altre 200 persone con gli stessi sintomi

La malattia polmonare è stata fatale per il cittadino statunitense

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 24 Ago. 2019 alle 15:27 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 01:51
Immagine di copertina
Un fumatore di sigaretta elettronica Credit: AFP

Fuma sigaretta elettronica e muore: è il primo caso al mondo

Un uomo è morto a causa della sigaretta elettronica: è il primo caso al mondo. Succede negli Stati Uniti, dove un paziente è  deceduto nell’Illinois, dopo aver sviluppato una grave malattia respiratoria. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie dello Stato americano.

Sigaretta elettronica, primo morto ma decine di casi

Il centro per il controllo e le prevenzioni delle malattie (Cdc) lancia un allarme e denuncia che altre 200 persone si sono ammalate in tutto il Paese per via della sigaretta elettronica. “Questa tragica morte in Illinois rafforza i seri rischi associati ai prodotti di sigarette elettroniche”, ha detto Robert Redfield direttore del Cdc. “Siamo rattristati dalla notizia della prima morte correlata ad una grave malattia polmonare per chi usa sigarette elettroniche o dispositivi per svapare”.

> I danni delle sigarette elettroniche: le foto shock del polmone collassato di un 18enne

Dell’uomo morto a causa della sigaretta elettronica non si conoscono le generalità ma si sa che era dell’Illinois e aveva un età tra i 17 e i 38 anni. Proprio in questo Stato si è registrato negli ultimi tempi un aumento dei malati che arrivavano in ospedale con sintomi comuni: tosse, affaticamento e respiro corto e in qualche caso vomito e diarrea.

Non si comprende però come questi disturbi e queste malattie possano essere indotte dall’uso della sigaretta elettronica. Sembra che alcuni pazienti abbiano usato per “svapare” dei liquidi contenenti Thc (tetraidrocannabinolo) che è uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis. Ma conferme ufficiali non ve ne sono.

Sulla Bbc Online, il presidente della American Vaping Association, Gregory Conley, ha dichiarato alla “Bbc Online” di essere “fiducioso” sugli esiti della vicenda perché le malattie potrebbero essere causate proprio da sostanze contenenti cannabis o altre droghe sintetiche, e non nicotina contenuta nei dei classici liquidi per “svapare”.

Morto per la sigaretta elettronica: ecco la malattia fatale

Intanto aumentano le segnalazioni di casi della misteriosa malattia polmonare apparentemente legata all’uso di sigarette elettroniche negli Usa: circa quasi 200 persone in sedici stati dell’Unione. Tutte hanno riguardato “casi gravi di disturbi ai polmoni” che hanno portato i pazienda al ricovero in ospedale.

I dati sono degli stessi Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc). Gli Stati coinvolti sinora sono California, Connecticut, Florida, Illinois, Indiana, Iowa, Minnesota, Michigan, North Carolina, New Jersey, New Mexico, New York, Pennsylvania, Texas, Utah, Wisconsin.

I Cdc stanno cercando di capire se si sia trattato di una contaminazione tossica con qualche sigaretta elettronica per lo svapo o i suoi ingredienti. Si ipotizza che in alcuni casi possa essersi trattato di svapatori acquistati per strada e non dai rivenditori autorizzati.

> Sigarette normali o elettroniche, quali fanno più male? L’esperimento è spaventoso

> È vero che le sigarette elettroniche sono dannose per la salute?