Me

Libia, dopo il raid l’inferno. Le conseguenze del bombardamento del centro di detenzione per migranti

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 5 Lug. 2019 alle 08:57 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 08:52
Immagine di copertina
Dopo il bombardamento, Credt: Mahmud TURKIA / AFP

Libia raid centro detenzione | Conseguenze | Morti | Devastazione

Libia raid centro detenzione – Un attacco aereo del mattino del 3 luglio ha ucciso almeno 100 persone in un centro di detenzione per migranti vicino a Tripoli solo due mesi dopo che l’agenzia Onu per i rifugiati UNHCR aveva avvertito che i detenuti nella struttura erano a rischio.

Un fotografo italiano è stato sul posto subito dopo il bombardamento e ha potuto vederne le conseguenze devastanti: dalla distruzione del quartiere, agli ospedali troppo affollati per curare tutti i migranti rimasti gravemente feriti nel raid del 3 luglio, che lottano tra la vita e la morte.

> Libia, bombardamento su centro detenzione migranti: il video shock

Libia raid centro detenzione | Cosa è successo 

Della strage di quella notte hanno dato notizia fonti di soccorso libiche. Un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook del ministero dell’Interno libico ha poi fornito un primo bilancio delle vittime precisando che nella sezione del “centro di accoglienza” colpito si trovavano almeno 120 migranti.

Il centro di Tagiura, nel complesso, ospita un totale di 610 migranti. Nella nota del ministero è stato precisato che “il bombardamento ha fatto almeno 100 morti”. E il numero dei “feriti fra i migranti illegali” viene indicato in 130.

Dopo il bombardamento, le guardie del centro di detenzione dei migranti di Tajoura hanno sparato su alcuni profughi che tentavano di fuggire dai bombardamenti che hanno colpito la struttura martedì notte, tra il 2 e il 3 luglio, e ucciso oltre 100 persone. Lo scrive l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari in una nota citando alcune testimonianze.

Credit: Mahmud TURKIA / AFP

Il racconto del fotografo italiano

Il fotografo italiano Emanuele Satolli dice a TIME che è arrivato al centro di detenzione di Tajoura, nella periferia della capitale libica, dopo che l’attacco aereo ha distrutto il centro di detenzione che ospitava circa 610 persone, per lo più migranti e rifugiati provenienti dall’Africa sub-sahariana.

Un giovane sudanese ha detto al fotografo di essere in un gruppo che ha cercato di salvarsi dopo lo scoppio iniziale.

“Una volta sfondata la porta chiusa del centro, un secondo attacco aereo faceva crollare un tetto in una stanza adiacente- spiega il sopravvissuto a Satolli – una guardia ha sparato in aria per impedire l’evacuazione”.

Il fotografo è stato testimone di centinaia di altri migranti riuniti su materassi fuori dall’edificio crollato, dove hanno trascorso il resto della notte. “Era come se avessero perso la speranza”, ha spiegato l’italiano. “Non avevano nemmeno la volontà di arrabbiarsi.”

Credit: Mahmud TURKIA / AFP

Libia raid centro detenzione | Il Governo libico

Il governo appoggiato dall’Unità libica della Gran Bretagna ha incolpato il comandante ribelle Khalifa Hafter e il suo sedicente esercito nazionale libico (LNA) per aver messo in scena quello che ha definito un attacco “premeditato” e “preciso” alla struttura.

Le Nazioni unite hanno chiesto un’indagine indipendente sul raid aereo, che potrebbe essere considerato un “crimine di guerra”.

> Guerra in Libia: a che punto è lo scontro tra Haftar e al-Serraj

La Libia è l’ennesima resa dei conti tra fazioni per l’egemonia politica e religiosa del mondo arabo

Credit: Mahmud TURKIA / AFP

Libia raid centro detenzione | L’inferno dei centri di detenzione

La Libia attualmente detiene migliaia di migranti e rifugiati in strutture gestite dal governo in condizioni che, secondo le Ong per i diritti umani, contravvengono al diritto internazionale.

Nel 2017 l’Italia, appoggiata dall’Ue, ha stipulato un accordo con la guardia costiera della Libia per impedire alle imbarcazioni migranti di raggiungere le coste europee e restituire quelle che detiene in Libia.

Ma Human Rights Watch e altri osservatori hanno documentato condizioni da incubo nei centri di detenzione dei migranti della Libia, dove coloro che sono detenuti arbitrariamente sono a rischio di tortura, violenza sessuale, estorsione e lavoro forzato.

> Chi controlla davvero i centri di detenzione il Libia

A maggio, l’Onu ha chiesto l’evacuazione immediata dei rifugiati che vivono in zone di conflitto, dopo che un attacco aereo ha colpito un bersaglio a meno di 100 metri dalla struttura di Tajoura.

In una dichiarazione del 3 luglio che chiedeva un’inchiesta indipendente sugli scioperi, l’Unione europea ha respinto le accuse di negligenza, dicendo che aveva cercato di rimuovere migranti e rifugiati dai centri di detenzione vicino alla linea del fronte.

“Ove possibile, abbiamo permesso loro di trovare sicurezza fuori dalla Libia – questi sforzi devono continuare ed essere intensificati”, hanno dichiarato.

Il raid è solo uno degli avvenimenti tragici che potrebbero succedere, molte di più sono le persone a rischio e dovrebbero essere trasferite in posti sicuri rapidamente in modo che possano ricevere assistenza ed essere evacuati.

> La Libia sta valutando il rilascio di tutti i migranti dai centri di detenzione

Credit:  Hazem Turkia / Anadolu Agency

Libia raid centro detenzione | La posizione degli Stati Uniti

Sebbene i leader europei, statunitensi e del Golfo abbiano tutti sostenuto il governo appoggiato dall’Unità libica, gli alleati degli Stati Uniti, compresi gli Emirati Arabi Uniti, l’Egitto e l’Arabia Saudita, hanno fornito sostegno finanziario e militare al comandante ribelle, così come la Russia.

In una telefonata con Haftar in aprile, il presidente Trump ha segnalato un cambiamento nella politica degli Stati Uniti, spostando il suo ruolo nella lotta al terrorismo e parlando di una “visione condivisa” per il futuro della Libia.

Il Dipartimento di Stato ha descritto l’attacco di mercoledì come “ripugnante” ma non ha chiesto una tregua.

I feriti gravi e gli ospedali fatiscenti

Intanto, gli ospedali della periferia di Tripoli sono pieni dei migranti gravemente feriti nel raid del 3 luglio, ma non c’è abbastanza personale per curarli.

Credits: Mahmud TURKIA / AFP