Me

Il governo dei Paesi Bassi ritira il permesso di atterraggio al ministro degli Esteri turco

Il ministro Cavusoglu avrebbe dovuto raggiungere oggi Rotterdam. Ieri era stato comunicato al politico turco il divieto di fare campagna elettorale nei Paesi Bassi

Di TPI
Pubblicato il 11 Mar. 2017 alle 11:52 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:27
Immagine di copertina

Le autorità dei Paesi Bassi hanno ritirato il permesso di atterraggio per il volo del ministro degli Esteri turco, che sarebbe dovuto arrivare a Rotterdam l’11 marzo 2017, dopo la polemica scoppiata tra i due paesi per il divieto di fare campagna elettorale imposto al politico turco dal governo olandese.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

In una nota il governo dei Paesi Bassi ha detto di aver ritirato il permesso di volo a causa di “rischi per l’ordine pubblico e la sicurezza”, causati dalla visita del ministro Mevlut Cavusoglu a Rotterdam.

Venerdì 10 marzo 2017 il sindaco della città olandese aveva reso noto Cavusoglu non avrebbe tenuto alcun comizio a sostegno di Erdogan in vista del referendum sul presidenzialismo di Ankara. Ma il ministro aveva detto che sarebbe volato comunque nei Paesi Bassi.

Giovedì 2 marzo 2017 era stato impedito al ministro della Giustizia turco Bekir Bozdag di tenere un comizio nella città tedesca di Gaggenau, causando giorni di forti tensioni tra il governo di Ankara e quello di Berlino.

“Gli olandesi sono residui del nazismo e del fascismo”, è stato il commento del presidente della Turchia Recep Tayyp Erdogan.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**