Me

Quanto costa la crisi della Catalogna all’economia spagnola

Secondo il Banco de España la situazione di instabilità catalana rischia di far perdere al Pil spagnolo 29 miliardi di euro

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 26 Mar. 2018 alle 18:13 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:42
Immagine di copertina
Palacio de Cibeles, sede del municipio di Madrid. Credit: Getty Images

La crisi della Catalogna costerà alla Spagna 29 miliardi di euro entro il 2019. È quanto emerge dal rapporto sulla stabilità finanziaria del Banco de España, la banca centrale iberica.

La cifra è calcolata sommando alcuni fattori, tra cui gli effetti sulla fiducia, sulla percezione del rischio dell’economia e sulle decisioni alla base delle scelte di investimento. Secondo il Banco de España, tutto questo potrebbe innescare “una stretta finanziaria” nel paese.

Il prodotto interno lordo (Pil) della Catalogna, che vale oltre 200 miliardi di euro, rappresenta oggi da solo circa il 20 per cento dell’intero Pil spagnolo. Le società catalane inserite nell’Ibex, l’indice della Borsa di Madrid che comprende i 35 titoli a maggior capitalizzazione, valgono da sole oltre 90 miliardi di euro.

Nel 2017 il Pil della Spagna è cresciuto del 3,1 per cento rispetto all’anno precedente.

Il tema dei possibili effetti dell’instabilità politico-istituzionale della regione catalana è tornato prepotentemente d’attualità all’indomani dell’arresto in Germania dell’ex presidente della Generalitad, Carles Puigdemont, a seguito della riattivazione del mandato d’arresto europeo a suo carico.

Il 26 marzo 2018 l’auto dell’ex leader catalano è stata intercettata dalla polizia tedesca su un’autostrada nello stato Schleswig Holstein, nel nord della Germania. Il governo tedesco ha ora 30 giorni di tempo per decidere se estradarlo alla Spagna.

Puigdemont è stato fermato subito aver superato il confine tedesco. Era stato in Finlandia per una conferenza e stava facendo rientro in Belgio, il paese dove ha vissuto in esilio negli ultimi mesi, dopo la dichiarazione unilaterale d’indipendenza della Catalogna, che ha fatto seguito al referendum del primo ottobre 2017, dichiarato illegittimo dalla Corte suprema spagnola.

Puigdemont rischia fino a 30 anni di carcere in Spagna per reati che vanno dalla ribellione, sedizione e appropriazione indebita di denaro.

Alla notizia del suo arresto migliaia di persone sono scese in strada per protestare a Barcellona, Girona, Tarragona e Lleida. Alcuni manifestanti hanno anche formato blocchi stradali in varie località della Catalogna.

Almeno 89 persone sono rimaste ferite negli scontri con la polizia e quattro persone sono state arrestate.