Me

Case volanti

Edifici, roulotte, motel e villette sospese in aria. Le immagini del nuovo progetto fotografico di Laurent Chehere

Di Orsola Randi
Pubblicato il 14 Mag. 2015 alle 20:00 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 01:36
Immagine di copertina

Laurent Chehere, fotografo francese nato a Parigi nel 1972, ha realizzato un nuovo progetto surreale, Flying Houses, che nasce da un connubio fra i sobborghi più poveri di Parigi e trae ispirazione da alcuni film, tra cui Il castello errante di Howl di Hayao Miyazaki e Il pallone rosso di Albert Lamorisse, ma è anche influenzato dall’attività di artisti come Federico Fellini, Marcel Carné e Wim Wenders.

Il fotografo ha immortalato con la stessa luce decine di edifici e caffè parigini, di cui la maggior parte non più esistenti, e li ha rielaborati digitalmente con Photoshop, dandogli un nuovo aspetto. Le roulotte, gli appartamenti, i motel e le villette piene di animali sono sospese in aria, legate a terra con dei fili che sembrano avere vita propria, e che impediscono agli edifici di volare via.

Le fotografie di Chehere sono esposte alla Biennale Internazionale di Fotografia di Bogota, in Colombia fino al 14 giugno, ma contemporaneamente si possono ammirare anche al Lumiere Brothers Center for Photography a Mosca fino al 21 giugno. Inoltre, fino al 30 settembre, sarà possibile vederle al City of Image di Clervaux, in Lussemburgo. Nelle gallerie d’arte che ospitano il progetto fotografico di Chehere, le immagini stampate ricoprono interamente le pareti. Qui ci sono tutte le immagini del fotografo francese.