Me

Capodanno cinese 2019: tutto quello che c’è da sapere sulla festa per l’arrivo dell’anno del maiale

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 16 Feb. 2019 alle 07:00 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:47
Immagine di copertina

CAPODANNO CINESE 2019 – Martedì 5 febbraio 2019 si festeggia il Capodanno cinese 2019, conosciuto anche come Festa di Primavera o capodanno lunare. Si tratta della festa tradizionale più importante dell’anno in Cina ed è paragonabile alle festività natalizie dei paesi occidentali.

Giorni in cui le famiglie cinesi si riuniscono per il loro “cenone”, fanno offerte per le divinità e per gli antenati, pregano Buddha e puliscono la casa dallo sporco dell’anno passato per fare posto alla felicità e alla buona sorte che arriveranno con il nuovo anno.

Capodanno cinese 2019 | Data

Quest’anno il Capodanno cinese è martedì 5 febbraio 2019. Sì, avete intuito bene: la festa non ha una data fissa. Perché? Semplice, segue il calendario lunare tradizionale. Secondo l’astrologia cinese, ad ogni anno lunare corrisponde un segno zodiacale: il 2019 è l’anno del Maiale.

Quanti e quali sono i segni zodiacali cinesi? In tutto sono 12. Di seguito l’elenco completo:

  • Topo
  • Bue
  • Tigre
  • Coniglio
  • Drago
  • Serpente
  • Cavallo
  • Capra
  • Scimmia
  • Gallo
  • Cane
  • Maiale

In particolare il giorno di Capodanno corrisponde al primo giorno del calendario lunare cinese. La data sul calendario Gregoriano è diversa di anno in anno, ma è sempre compresa tra il 21 gennaio e il 20 febbraio.

Capodanno cinese 2019 | Durata

Il periodo di festa dura 16 giorni, dalla vigilia di Capodanno fino alla Festa delle Lanterne.

Per l’occasioni i cinesi hanno 7 giorni di vacanza, dalla vigilia fino al sesto giorno del primo mese lunare. Nel 2019 riposeranno dal 4 al 10 di febbraio. Discorso diverso invece per i bambini e alcuni operai: le scuole e alcune fabbriche infatti chiudono per tutta la durata del periodo.

Capodanno cinese 2019 | Momenti clou

I giorni più importanti del periodo di festa del Capodanno cinese sono:

  • La vigilia di capodanno: la giornata in cui le famiglie si riuniscono. Nel 2019 è lunedì 4 febbraio.
  • Il primo giorno dell’anno. Nel 2019 martedì 5 febbraio.
  • La Festa delle Lanterne. Nel 2019 martedì 19 febbraio.

Capodanno cinese 2019 | Come si festeggia

Durante i 7 giorni di vacanza, in alcuni villaggi e nelle città si organizzano eventi legati al folklore, come fiere del tempio, spettacoli e danze tradizionali. Le zone rurali, dove le tradizioni sono più sentite, si ripopolano grazie alle persone che tornano a casa, magari dalle varie città in cui lavorano; al contrario, molti quartieri delle grandi metropoli si svuotano per qualche giorno.

Il colore predominante durante il Capodanno cinese è il rosso: ogni strada, casa o palazzo in cui si celebra il Capodanno è decorato di rosso perché secondo la tradizione cinese è un colore di buon auspicio.

Immancabile poi il “cenone” chiamato anche “cena di ritrovo”. Si tratta del pasto più importante dell’anno. Di solito è presente tutta la famiglia allargata, con le diverse generazioni sedute attorno allo stesso tavolo per mangiare, raccontare aneddoti di famiglia e passare del tempo insieme. Si resta svegli tutti insieme fino a dopo mezzanotte per festeggiare e accogliere il nuovo anno.

Capodanno cinese 2019 | Cosa si mangia

Durante tutto il periodo del Capodanno, ma soprattutto alla cena della vigilia, si preparano e si mangiano alcuni piatti considerati porta fortuna. Quali sono? In primis il pesce che non manca mai sulle tavole delle famiglie riunite per il cenone: la parola cinese “pesce” suona come la parola “abbondanza”. Secondo la tradizione, mangiare pesce porta denaro e fortuna in abbondanza nell’anno successivo.

Poi i classici ravioli e gli involtini primavera. E ancora: le torte di riso glutinoso e le tangyuan (palline dolci fatte con farina di riso glutinoso).

Capodanno cinese 2019 | Fuochi d’artificio

Ovviamente non mancheranno i fuochi d’artificio. In Cina, patria della pirotecnica, gli scoppi colorati e rumorosi sono considerati un modo per scacciare gli spiriti maligni, intimoriti dalle luci e dalla confusione.

Una volta costituiti da canne cave di bambù riempite di polvere da sparo, oggi i fuochi d’artificio consistono in moderni razzi e candelotti esplosivi. La potenziale pericolosità di questa pratica, tuttavia, e il loro uso indiscriminato nel periodo delle festività, hanno portato, in Cina e in altri paesi, a severe legislazioni volte a limitare o impedire del tutto il fenomeno.

In molte grandi città della Cina, come Pechino, le amministrazioni organizzano spesso dei grandi spettacoli di fuochi nelle piazze, per dissuadere i singoli dall’uso isolato di esplosivi.

Capodanno cinese 2019 | Danza del leone

La Danza del leone è una tradizione tipica dei giorni del Capodanno. Consiste in una parata, per le vie delle città e dei villaggi, nei quali un manichino rappresentante un leone marcia e danza al ritmo chiassoso e battente di tamburi e cimbali.

La Danza del leone è considerata una pratica in grado di scacciare ed esorcizzare i cattivi spiriti e favorire l’arrivo della fortuna nel nuovo anno.

Capodanno cinese 2019 | Dove festeggiarlo in Italia

Il Capodanno si festeggerà in tutto il mondo. Italia compresa. Sono infatti tanti i cinesi presenti nel nostro Paese. In particolare in grandi città come Roma e Milano, dove ormai esistono delle “Chinatown” e a Prato. La cittadina toscana infatti è forse il cuore della comunità cinese in Italia con le sue tantissime fabbriche a conduzione cinese. In queste città non sarà difficile rintracciare eventi dedicati al Capodanno cinese e ristoranti dove poter festeggiare l’evento.

A Milano, ad esempio, in zona Paolo Sarpi, domenica 10 febbraio andrà in scena la famosa e coloratissima sfilata del Dragone cinese, seguita dalle varie scuole di danza ed arti marziali che, a tappe, tra dragoni di carta, ombrellini colorati, figuranti, si esibiranno dalle 14.00 con partenza in Piazza Gramsci. L’evento è a cura dell’Associazione Diamoci La Mano con la partecipazione di tutte le associazioni cinesi di Milano.