Me

Brunei, il sultano scrive all’Ue e difende la lapidazione per i gay

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 23 Apr. 2019 alle 09:55 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:01
Immagine di copertina
Il sultano del Brunei Hassanal Bolkiah Credit: AFP

Il Brunei è da settimane salito agli onori della cronaca dopo l’introduzione da parte del sultano di un nuovo codice penale che prevede la condanna a morte per lapidazione per omosessuali e adulteri.

Il sultano del paese è stato fortemente criticato dalle associazioni per i diritti umani e da diverse cancellerie internazionali per le riforme introdotte e che hanno causato non pochi danni di immagine ed economici al Brunei.

Nel tentativo di minimizzare gli effetti negativi del provvedimento, il sultano ha inviato una lettere al Parlamento europeo in cui spiega che le norme sono state introdotte per “salvaguardare la sacralità della discendenza familiare e del matrimonio”.

Nella sua missiva, il capo di Stato ha anche detto che le condanne saranno poche dal momento che sono necessari almeno due uomini di “alta statura morale e fede come testimoni” e non verrà ritenuta valida alcuna forma di prova circostanziale”.

Continuando nella sua lettera all’Ue, il sultano ha anche invocato “tolleranza, rispetto e comprensione” verso il Brunei, che sta cercando di tutelare il più possibile i suoi valori tradizionali.

Il sultano ha deciso di rivolgersi agli eurodeputati dopo la loro decisione di condannare con un’apposita risoluzione il paese e l’introduzione di un “codice penale retrogrado”.

Il Parlamento ha anche invitato Bruxelles a considerare ulteriori iniziative, come il congelamento di beni, il divieto di visti e l’inserimento nella ‘lista nera’ di nove hotel proprietà dal sultano.

La vicenda – Il 3 aprile il sultano del Brunei ha introdotto nel paese un nuovo codice penale che prevede la pena di morte per lapidazione per gay e adulteri.

Le nuove regole si applicano in realtà solo ai musulmani, che rappresentano i due terzi dell’intera popolazione del sultanato.

>>Non solo Brunei: i paesi in cui gli omosessuali possono essere condannati a morte per lapidazione

La modifica del codice penale introdotto in Brunei ha causato un’ondata di indignazione a livello internazionale. Il primo a condannare apertamente la riforma è stato l’attore George Clooney, che ha invitato a boicottare gli hotel di lusso che fanno capo proprio al sultano.