Me

La sorprendente storia di Brynkar Karl, il bambino autistico che ha costruito il Titanic di Lego più grande del mondo

Brynkar ha 16 anni, e quando ne aveva dieci ha iniziato a costruire il gigantesco modello della celebre nave

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 11 Set. 2019 alle 09:17 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 13:19
Immagine di copertina

Brynkar Karl, il bambino autistico che ha costruito il Titanic di Lego più grande del mondo

Brynkar Karl è un bambino autistico conosciuto in tutto il mondo come il “Lego boy”, il ragazzo che ha costruito un Titanic gigante in mattoncini Lego.

Brynkar ha 16 anni, ma ha iniziato la costruzione quando ne aveva solo 10, utilizzando 56mila pezzi di Lego, poi diventati 65mila per ristrutturare la parte del Titanic che ha ceduto.

Ha impiegato quasi un anno a costruire il Titanic di Lego, e con l’aiuto di parenti e amici è riuscito a portare a termine la sua impresa: un Titanic lungo 8 e alto 1,5 metri.

Ma la passione per i Lego risale a quando Brynkar, di origine irlandese, era piccolo.

Aveva cinque anni quando ha montato la prima costruzione, eppure il Titanic gli ha dato popolarità e gli ha permesso di superare le paure legate all’autismo.

La gigantesca impresa l’ha aiutato ad acquistare fiducia in se stesso e a essere d’esempio per i bambini che sono nati con il suo stesso problema. Sul suo, Brynkar scrive:

Oggi seguo la mia nave ovunque vada e racconto alle persone come l’ho costruita, incoraggiando i bambini a seguire i loro ambiziosi obiettivi, perché se l’ho fatto io, chiunque può farlo!”, dice il ragazzo, e continua:

“Sono stato fortunato ad avere l’aiuto e l’opportunità di costruire e raggiungere il mio sogno, con l’aiuto di centinaia di persone. Ora vorrei usare la mia rete per aiutare altri bambini con l’autismo a raggiungere i propri sogni.”

Il Titanic di Brynkar è stato già esposto in numerosi musei del mondo, dalla Svezia all’Islanda, dalla Norvegia alla Germania, e fino a dicembre 2019 sarà visitabile in Tennessee.

Bimbo autistico ha una crisi in aereo: la reazione dei passeggeri commuove la madre