Me

Tra Alessandra Mussolini e Jim Carrey continua la polemica su Twitter

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 1 Apr. 2019 alle 12:08 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:26
Immagine di copertina
Alessandra Mussolini; Jim Carrey

Alessandra Mussolini prosegue la sua battaglia contro un Jim Carrey indifferente. L’eurodeputata, tweet dopo tweet, continua a rispondere all’attore e comico di Hollywood, che nelle scorse ore l’aveva fatta infuriare con una vignetta su suo nonno, Benito Mussolini.

Dopo avergli dato del bastardo, Alessandra Mussolini ha iniziato a scrivere post in cui chiedeva all’attore di disegnare e pubblicare vignette su episodi bui della storia degli Stati Uniti.

In particolare, l’europarlamentare (ex Forza Italia ora indipendente in area Lega) chiede a Jim Carrey di rappresentare Rosa Parks, che si rifiutò di cedere un posto sull’autobus a un bianco, la schiavitù e la bomba atomica.

Il tweet di risposta di Alessandra Mussolini a Jim Carrey
Un altro tweet di Alessandra Mussolini

Ma Jim Carrey, sebbene naturalizzato statunitense, è canadese. Dunque, ha poco a che vedere con la storia che la Mussolini continua a rinfacciargli su Twitter. In molti lo fanno notare all’europarlamentare, che, però, risponde secca a tutti: “È naturalizzato, ignorante”.

Tanti utenti – anche statunitensi – rispondono ad Alessandra Mussolini sottolineando come l’intuizione della bomba atomica da lei tirata in ballo sia di un italiano: Enrico Fermi. Ma questo non basta a fermare l’europarlamentare, più che mai convinta della sua battaglia. Tanto da pubblicare sul suo profilo un tweet in cui scrive: “Gli #antifa americani forse sono più noiosi di quelli nostrani: certamente più permalosetti”. E ha continuato con un tweet rivolto direttamente a Trump, bersaglio prediletto delle vignette satiriche di Carrey: “Presidente Trump, non si preoccupi degli attacchi politici del povero Jim Carrey. I suoi disegni sono solo carta sporca”.

alessandra mussolini jim carrey discussione

L’accesa discussione su Twitter va avanti ormai dal 30 marzo, quando l’attore e comico aveva pubblicato una vignetta in cui spiegava la sua idea di fascismo. Nella vignetta, disegnata di proprio pugno da Carrey, si vedevano Benito Mussolini e l’amate Claretta Petacci appesi a testa in giù a Piazzale Loreto, nell’episodio passato alla storia del 29 aprile 1945.

Accanto alla vignetta, Carrey scriveva: “Se vi state chiedendo a cosa porta il fascismo, chiedete a Benito Mussolini e alla sua signora Claretta”. La nipote del Duce non ha affatto gradito e ha risposto all’attore “Sei un bastardo”, dando il via a una discussione a cui non si arriva a mettere un punto.

Jim Carrey twitta contro il fascismo: Alessandra Mussolini gli risponde inferocita