Me

Quota 100, ultime notizie: la metà delle domande arriva dal Mezzogiorno

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 11 Mar. 2019 alle 15:00 Aggiornato il 14 Mar. 2019 alle 12:44
Immagine di copertina

QUOTA 100 ULTIME NOTIZIE DOMANDE – Per quanto riguarda Quota 100 le ultime notizie riguardano un aggiornamento sul numero di domande per accedere a questo meccanismo di pensionamento anticipato.

Dai dati forniti da Inps e ministero del Lavoro emerge che è dal Sud che arrivano la maggior parte delle richieste per Quota 100 e reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE: Pensioni, Quota 100: ecco come presentare la domanda sul sito dell’Inps | Istruzioni

Il dato più evidente – ma che soprattutto smentisce le aspettative – è quello riguardante il nuovo meccanismo di anticipo pensionistico. Se infatti le previsioni vedevano la maggior parte delle richieste per Quota 100 giungere dal Nord, dove c’è una prevalenza di lavoratori con “carriere contributive” lunghe e continuative, la realtà dimostra invece tutt’altro trend.

Fin dai primi giorni di partenza della nuova misura previdenziale che si propone come un superamento della Legge Fornero, infatti, la maggior parte delle domande è giunta dal Sud Italia: si tratta per la maggior parte di dipendenti del pubblico impiego e di lavoratori che hanno maturato i requisiti, sia anagrafici che contributivi, negli ultimi anni.

I dati, che sono aggiornati a venerdì 8 marzo, hanno infatti confermato che ben il 41 per cento delle richieste – che equivalgono a circa 85mila domande – per uscire in anticipo da lavoro proviene dal Mezzogiorno: in testa ci sono la Sicilia con 8.889 domande e la Campania con 8.122.

Per quanto riguarda invece il Nord il dato registrato è del 37 per cento:  8946 giungono soltanto dalla Lombardia, mentre il restante 22 per cento riguarda il Centro Italia, dove è invece in testa il Lazio con 937 richieste.

Stesso trend, come anticipato, per quanto riguarda le 122mila domande per il reddito di cittadinanza: il 38.8 per cento delle richieste giunte tra il 6 e il 9 marzo viene dal Nord, mentre quasi la metà dal Sud (45 per cento). Al Centro, infine, il dato si attesta intorno al 20 per cento.