Me

Antonio Scurati è il vincitore del Premio Strega con “M. Il figlio del secolo”: ecco di cosa parla

Presto, il romanzo con protagonista Benito Mussolini diventerà una serie tv

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 18 Mar. 2019 alle 20:55 Aggiornato il 5 Lug. 2019 alle 00:32
Immagine di copertina

ANTONIO SCURATI PREMIO STREGA 2019 – Roberto Saviano, autore di “Gomorra”, l’ha definito “il libro che l’Italia aspettava da decenni” o, per meglio dire, “un capolavoro”.

Antonio Scurati ha vinto il premio Strega 2019 con “M. Il figlio del secolo”.

La sua opera è destinata a diventare presto una serie televisiva per conto della casa di produzione Wildside, la stessa che ha dato vita a “The Young Pope” di Sorrentino e “L’amica geniale“.

Cosa sappiamo di questo volume? E del suo autore?

Antonio Scurati Premio Strega 2019 | M. Il figlio del secolo

Soltanto il numero delle pagine – 848 – sembra essere una chiara sfida al lettore, ma il tema lo è ancor di più. La casa editrice Bompiani ha pubblicato “M. Il figlio del secolo” per raccontare l’ascesa di un personaggio noto alla storia italiana.

“Lui è come una bestia: sente il tempo che viene. Lo fiuta. E quel che fiuta è un’Italia sfinita, stanca della casta politica, della democrazia in agonia, dei moderati inetti e complici. Allora lui si mette a capo degli irregolari, dei delinquenti, degli incendiari e anche dei “puri”, i più fessi e i più feroci” è con queste parole che viene descritto Benito Mussolini che, per usare le parole della sinossi, “sarebbe un personaggio da romanzo se non fosse l’uomo che più d’ogni altro ha marchiato a sangue il corpo dell’Italia”.

Antonio Scurati Premio Strega 2019 | Raccontare il fascismo come un romanzo

Questo è un romanzo che parla della realtà dei fatti, non c’è nulla d’inventato, a partire da ciò che Mussolini dice o pensa, per poi passare agli altri protagonisti della vicenda come D’Annunzio, Margherita Sarfatti, Matteotti.

Marco Missiroli e il suo “Fedeltà”: tutto quello che c’è da sapere sul romanzo candidato al Premio Strega 2019

Definito come un romanzo documentario, quello di Antonio Scurati è sicuramente un progetto ambizioso che si rifà a una quantità impressionante di fonti per la sua realizzazione.

Il fascismo viene raccontato in chiave romanzesca con “M. Il figlio del secolo”, senza alcun filtro politico e ideologico.

Antonio Scurati Premio Strega 2019 | L’autore

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969, insegna Letterature contemporanee alla IULM di Milano ed è anche editorialista de “La Stampa”.

Ha scritto diversi saggi – “La letteratura dell’inesperienza” – e ha esordito nel 2002 con il romanzo “Il rumore sordo della battaglia” che ha ottenuto ben tre premi (Premio Kihlgren, Premio Fregene e Premio Chianciano).

Nel 2005, Scurati ha pubblicato “Il sopravvissuto” ottenendo il Premio Campiello e nel 2008 è stata la volta del romanzo “Una storia romantica”, che ha portato a casa il Premio Mondello.

In seguito, ha pubblicato “Il bambino che sognava la fine del mondo” nel 2009, “La seconda mezzanotte” nel 2011, “Il padre infedele” nel 2013 e “Il tempo migliore della nostra vita”.