Me

Sea Watch news 17 maggio | Il Viminale autorizza lo sbarco delle famiglie

Di Laura Melissari
Pubblicato il 17 Mag. 2019 alle 10:35 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:37
Immagine di copertina

Sea Watch news 17 maggio | La Sea Watch 3, la nave che il 15 maggio ha soccorso 65 migranti a largo della Libia, si trova vicino Lampedusa. (Qui tutto il caso della Sea Watch 3, con gli ultimi aggiornamenti e il riassunto di quello che sta succedendo).

Alle ore 19 il Viminale ha autorizzato lo sbarco delle famiglie migranti: 18 persone in totale. Ad annunciarlo è stata la stessa Sea Watch con un Tweet: “Le autorità italiane ci hanno dato la disponibilità a fare sbarcare le famiglie presenti a bordo: bambini, madri, padri e una donna ferita” (qui i dettagli sullo sbarco di genitori e bambini).

Intanto, la Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta a carico di ignoti per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

In diretta Facebook dalla sala stampa estera di Milano, il ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva ribadito che la Sea Watch non arriverà in Italia: “Non c’è presidente del Consiglio che tenga e non c’è ministro dei 5 stelle che tenga: in Italia i trafficanti di esseri umani non arrivano più”.

Nella mattinata del 17 maggio Salvini ha anche detto: “Erano prima in acque libiche e poi in acque maltesi, ma mettendo a rischio la vita degli immigrati a bordo vogliono a tutti i costi arrivare in Italia. Questi non sono soccorritori ma scafisti, e come tali verranno trattati. Per i trafficanti di esseri umani i porti italiani sono e rimangono chiusi”.

“La situazione medica a bordo genera forte preoccupazione. Molti soffrono il mal di mare e sono a rischio disidratazione. La donna ustionata ha bisogno di trattamenti. I bambini sono traumatizzati dalla permanenza nelle prigioni libiche e rischiano ulteriori danni psicologici”, scrive l’equipaggio nella mattina del 17 maggio.

Nella tarda serata del 16 maggio, l’equipaggio della Sea Watch ha pubblicato una foto della situazione a bordo.

“Dopo oltre 36 ore dal soccorso i naufraghi passano la notte al freddo. Nel nostro mare, a poche miglia dalle nostre coste. Dopo mesi di prigionia in . Torniamo a farci garanti della protezione delle persone e non del potere e dei confini”

Sea Watch news 17 maggio | La posizione

Qui la posizione della Sea Watch 3, molto vicina alle coste di Lampedusa. Per seguire la nave in tempo reale qui il link.