Me

Caserta, insultato sul gruppo WhatsApp di calcetto. Va al campo e spara

È accaduto nel casertano. L'uomo ha sparato per vendicarsi ma ha colpito un altro uomo, che ora è in prognosi riservata

Di Alice Possidente
Pubblicato il 12 Set. 2019 alle 18:23 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 18:44
Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Insultato su WhatsApp, va al campo di calcio e spara

Era stato insultato per le sue scarse doti calcistiche da un conoscente sul gruppo WhatsApp del calcetto. Così, un uomo di 48 anni si è presentato con la pistola in mano al campo dove stava giocando il 38enne autore del messaggio denigratorio. È accaduto ieri sera, mercoledì 11 settembre, a San Cipriano d’Aversa, in provincia di Caserta.

L’uomo ha tentato di vendicarsi aprendo il fuoco ma non ha colpito quello che doveva essere il suo “bersaglio”, bensì un altro uomo, un 40enne intervenuto a fare da paciere.

L’uomo è stato colpito all’addome da un colpo di pistola calibro 7.65. L’arma aveva la matricola abrasa.

Il 48enne, già noto alle forze dell’ordine per reati comuni, è stato fermato durante la notte con l’accusa di  tentato omicidio dai carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Casal di Principe e ora si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).

La vittima è stata subito trasportata d’urgenza alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno e la prognosi è ancora riservata.

Fermato dai carabinieri che gli chiedono le generalità, lui risponde con un rutto