Me

Non solo l’Amazzonia, gli incendi stanno devastando anche l’Indonesia e nessuno ne parla

Quarantamila ettari di foreste sono andati distrutti. E questa volta c'entra l'intervento dell'uomo

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 11 Set. 2019 alle 10:08 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:42
Immagine di copertina
Gli incendi stanno devastando l'Indonesia Credit: AFP/Getty Images

Incendi in Indonesia: anche la foresta di Sumatra in fiamme

Dopo gli incendi in Amazzonia, nelle regioni artiche e in Africa centrale, le fiamme stanno distruggendo anche le foreste torbiere dell’Indonesia.

Come riportato dal sito di monitoraggio Fire Information, incendi enormi di origine dolosa stanno interessando vaste aree delle foreste indonesiane. Le zone più colpite si trovano sull’isola di Sumatra e nel Borneo, dove sei province indonesiane hanno dichiarato lo stato di emergenza.

I roghi sono stati inizialmente appiccati dall’uomo con l’obiettivo di fare spazio a nuove piantagioni di palme da olio, ma ore le fiamme si stanno propagando a causa del clima particolarmente secco.

La piaga degli incendi nelle foreste indonesiane Credit: AFP

I titolari delle concessioni commerciali per lo sfruttamento delle piantagioni danno fuoco alle foreste principalmente per creare spazio a fattorie che producono olio di palma, di cui l’Unione Europea è uno dei principali importatori.

A causa di questa pratica dall’inizio dell’anno a maggio, secondo il Ministero dell’Ambiente indonesiano, sono andati perduti oltre 40mila ettari di foreste, il doppio rispetto all’anno precedente.

Il fumo degli incendi che soffoca da svariati giorni grandi aree dell’Indonesia e, a causa del vento, si sta spostando verso la Malesia e Singapore.

L’aria insalubre causa problemi respiratori, tosse intensa prurito e dolore agli occhi: le autorità hanno deciso di chiudere le scuole in diverse province e consigliano alla popolazione di indossare mascherine per proteggersi dal fumo, ma ogni anno si stima che almeno 110mila persone muoiano nell’Asia sud orientale a causa dei fumi tossici rilasciati dagli incendi.

La distruzione delle foreste è una delle maggiori cause del riscaldamento globale, dei cambiamenti climatici e dell’estinzione di specie vegetali e animali: proteggere le foreste è una delle poche soluzioni efficaci che abbiamo per rispondere alla crisi climatica in atto.

Oltre a distruggere migliaia di ettari di foresta, mettere a rischio la vita di specie animali e immettere quantità enormi di anidride carbonica in atmosfera, gli incendi causano l’avvelenamento e la morte di migliaia di persone.

Gli approfondimenti di TPI sugli incendi in Amazzonia: 

>La foresta Amazzonica sta bruciando: il fumo è così alto che si può vedere dallo spazio | FOTO

> L’Amazzonia brucia: ecco perché la pioggia non spegne gli incendi nella foresta pluviale

> Non solo l’Amazzonia, anche l’Africa in fiamme. Incendi stanno bruciando in Congo e Angola

> Incendi in Amazzonia: 7 piccoli gesti quotidiani per aiutare la foresta in fiamme