Me

Sesso grazie a Tinder: ragazza rimane incinta, lui le spara perché non vuole il bambino

I due giovani si sono conosciuti in Florida grazie alla nota app di incontri

Immagine di copertina

Si conoscono su Tinder e fanno sesso: ragazza rimane incinta, lui le spara

Due giovani si conoscono grazie a Tinder e fanno sesso: la ragazza scopre di essere incinta, lui le spara alla testa perché non vuole il bambino.

L’orrendo fatto di cronaca è avvenuto in Florida, negli Usa, tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, ma è salito alla ribalta della cronaca in questi giorni con il concludersi del processo a carico del responsabile.

Secondo quanto ricostruito da alcuni giornali statunitensi, Naomi Rosado, all’epoca dei fatti 17enne, ha conosciuto grazie a Tinder, la nota app di incontri, il 20enne Charles Tenpenny.

I due, dopo aver fatto sesso al primo appuntamento, hanno cominciato ad avere una relazione stabile.

Usa, va a un appuntamento con un uomo conosciuto su Tinder: ragazza uccisa e smembrata

Ben presto, però, Naomi ha scoperto il lato oscuro di Charles.

Il ragazzo, infatti, ha cominciato a maltrattare la giovane, picchiandola e spesso costringendola a bere alcolici insieme a lui.

Le cose hanno preso una piega inaspettata quando la ragazza ha scoperto di essere incinta, forse proprio grazie a quel rapporto “nato” su Tinder.

Naomi, infatti, ha comunicato la notizia a Charles, il quale è andato su tutte le furie.

Il giovane ha detto chiaramente alla sua compagna di non avere nessuna intenzione di tenere il bambino e le ha intimato di abortire.

Al rifiuto della ragazza, intenzionata a tenere il bambino, Charles ha prima stordito Naomi con un colpo alla tempia e poi le ha sparato alla testa.

Naomi è incredibilmente riuscita a sopravvivere, ma ha perso un occhio ed è stata per 3 settimane in coma, riuscendo, anche, a tenere il bambino.

Al suo risveglio in ospedale ha trovato il ragazzo, il quale le ha intimato di non dire nulla di ciò che era successo.

Qualche settimana dopo, però, Charles, forse preso dal rimorso, ha confessato di aver sparato a Naomi alla madre di quest’ultima, la quale ha avvertito la polizia.

Arrestato, il ragazzo ha poi patteggiato una pena di 25 anni.

Naomi, invece, nel frattempo è diventata madre di Landyn e ora sta tentando di ricostruirsi una vita.