Me

Jeffrey Epstein, la modella italiana Elisabetta Tai denuncia: “Tentò di molestarmi, salvata da un vibratore”

Immagine di copertina
Elisabetta Tai

Nuove pesanti accuse per Jeffrey Epstein, il finanziere americano attualmente in carcere con l’accusa di molestie sessuali su decine di bambine e traffici sessuali con minorenni. Questa volta, la denuncia viene dalla modella italiana Elisabetta Tai e i fatti contestati risalgono al 2004.

Jeffrey Epstein, la denuncia di molestie della modella italiana | Il racconto

A riportare la testimonianza è il New York Post. All’epoca dei presunti fatti, Elisabetta Tai ha 21 anni e si è appena trasferita a New York con il sogno di diventare una modella per la celebre marca di intimo Victoria’s Secret. È il suo agente a suggerirle di contattare Epstein, figura di rilievo nell’intricato panorama modaiolo newyorkese. La giovane modella italiana racconta di essersi allora recata all’abitazione del finanziere.

“Se lui avesse avuto il braccialetto elettronico, Deborah sarebbe viva”: Mara Carfagna a TPI sul femminicidio di Savona

“Bussai al campanello di questa incredibile casa e un maggiordomo venne alla porta. Vidi cinque modelle che camminavano, appena entrai. Ero molto eccitata”, racconta la ragazza.

A quel punto, continua, una donna la conduce nell’ufficio di Epstein (“Ero così entusiasta”).

Jeffrey Epstein, la denuncia di molestie della modella italiana 

Roma, condannato a 4 anni il leader di Forza Nuova Castellino

È allora, però, che qualcosa va storto. Nel momento in cui Elisabetta Tai entra nella stanza, Epstein comincia a farle alcune domande. Ma quando lei fa per prendere il suo book contenente i suoi ultimi scatti, l’uomo inizia a spogliarsi, poi si sdraia sul lettino per massaggi che si trova davanti a lui, ormai completamente nudo.

A quel punto, continua Tai, Epstein le passa un vibratore. La donna non ci vede più, entra in panico. “Cominciai ad andare in panico. Presi il vibratore e glielo tirai contro. Poi scappai via. Non l’ho mai raccontato a nessuno perché avevo troppa paura”, conclude.

Deborah, Marianna, Immacolata: storie di donne vittima di femminicidio che nessuno ha salvato