Me

A Shanghai la raccolta differenziata mette in crisi i cittadini

La città tra le più popolose della Cina è alle prese con le nuove regole sulla raccolta differenziata dei rifiuti

Immagine di copertina

A Shanghai le regole che riguardano la raccolta differenziata dei rifiuti sono talmente severe che sempre più cittadini decidono di mangiare fuori casa per evitare di commettere errori nello smaltimento dell’immondizia.

Una serie di regolamenti sulla raccolta differenziata dei rifiuti domestici è entrata in vigore nella città più popolosa della Cina, lunedì primo luglio 2019. Si segnalano più di 600 avvisi di rettifica rilasciati il primo giorno a privati, aziende e istituzioni.

Ma quello che spaventa di più gli abitanti di Shanghai non sono tanto le multe, piuttosto le decurtazioni nel “punteggio sociale“, il metodo per valutare la credibilità e la rispettabilità dei cittadini e delle imprese stimando i loro comportamenti finanziari, legali e, soprattutto, sociali.

Gli standard di classificazione dei rifiuti di Shanghai obbligano i residenti a differenziare i rifiuti secchi, l’umido, i scarti riciclabili e i rifiuti pericolosi. Chi non rispetta l’ordinanza relativa alla raccolta differenziata rischia una multa fino a 200 yuan (circa 29 dollari).

Shanghai rifiuti | Le nuove regole sulla raccolta differenziata entrate in vigore il primo luglio 2019

Il primo avviso è arrivato a un hotel a cinque stelle, situato nel centro di Shanghai, per non non aver smaltito la spazzatura nei bidoni adeguati. Secondo l’Urban Management and Law Enforcement Bureau di Shanghai, i dipartimenti di polizia hanno ispezionato quasi 1.600 comunità, oltre 400 imprese e organizzazioni, più di 1.800 negozi e 21 alberghi, rilasciando un totale di 623 verbali per aver violato le nuove norme di smistamento dei rifiuti domestici.

La città ha anche pubblicato un elenco di 20 supervisori sociali della gestione dei rifiuti domestici. I funzionari controlleranno in modo casuale la raccolta differenziata dei rifiuti nelle comunità residenziali, negli ospedali e nelle scuole, così come il trasporto dei rifiuti nei 16 distretti della metropoli. In futuro saranno assunti altri supervisori.

Secondo Deng Jianping, direttore del Shanghai Landscaping and City Appearance Administrative Bureau, “Shanghai rafforzerà ulteriormente la supervisione dell’ambiente pubblico e si sforzerà di imperire le violazioni di leggi e regolamenti nel processo di raccolta differenziata dei rifiuti domestici”.

Il direttore ha aggiunto che i cittadini sono invitati a partecipare alla supervisione e a segnalare le violazioni attraverso numeri verdi e piattaforme online.

Per incentivare e incoraggiare il riutilizzo di materiali di consumo riciclabili a Shanghai è stata introdotta una misura a favore dell’ambiente anche negli hotel. A partire dal mese di luglio infatti, gli hotel della metropoli cinese non offriranno kit sanitari monouso per i bagni, a meno che i clienti non richiedano il servizio.

La regola è stata attuata per ridurre gli sprechi e promuovere lo sviluppo sostenibile.

Gli ospiti degli alberghi sono incoraggiati ad utilizzare e riutilizzare i materiali di consumo riciclabili durante il loro soggiorno, come spazzolini da denti, pettini, spugne da bagno, rasoi, lime per unghie e lucido da scarpe.

Secondo le nuove norme, la maggior parte dei rifiuti domestici di plastica dovrebbe essere differenziata e riciclata.

La Cina come Black Mirror: entro il 2020 introdurrà un punteggio sociale

Shanghai rifiuti | Come funziona la raccolta differenziata

La raccolta differenziata di Shanghai prevede di smistare i rifiuti in quattro bidoni: uno per vetro e lattine, uno per rifiuti speciali come i farmaci, un altro per l’umido e infine uno per l’indifferenziato.

I cittadini sono spaventati per la rigidità di queste nuove regole proprio perché le considerano poco chiare. Numerosi sono infatti gli abitanti di Shanghai che si stanno lamentando sui social.

Per rendere più comprensibili le nuove regole sui rifiuti, la comunità di un distretto di Shanghai ha ideato un sistema attraverso l’utilizzo delle carte da gioco per aiutare i residenti locali a comprendere più facilmente come suddividere i rifiuti in vista del nuovo programma cittadino per la raccolta differenziata e il riciclaggio della spazzatura.

Una comunità di un distretto di Shanghai usa alcune carte da gioco per aiutare i residenti locali a comprendere più facilmente come suddividere i rifiuti in vista del nuovo programma cittadino per la raccolta differenziata e il riciclaggio della spazzatura.

I primi 100mila pacchetti di queste carte da gioco sono già stati consegnati alla cittadinanza dal centro di assistenza ambientale della comunità Gumei del distretto di Minhang, a Shanghai. “Ogni carta vede stampata una categoria di rifiuti e contiene alcune clausole dei regolamenti in materia”, ha detto Niu Guangcheng, un membro del centro citato. “Questo consente ai residenti di imparare a suddividere i vari rifiuti attraverso il gioco”.

Le picche rappresentano l’indifferenziato secco, i cuori i rifiuti pericolosi, i fiori l’umido e i quadri i prodotti riciclabili. In diverse aree del distretto di Minhang sono stati installati alcuni bidoni per l’immondizia dotati di sistemi intelligenti di risposta vocale.

Questi dispositivi sono dotati di sensori a induzione, capaci di rilevare la presenza di un oggetto a distanza ravvicinata. Il bidone richiede ai residenti di inserire il proprio numero di abitazione e può ricordare loro di suddividere i propri rifiuti. Ciascun cittadino sarà poi ricompensato tramite l’assegnazione di punti che possono essere utilizzati per ottenere in cambio regali come fazzoletti e dentifrici.